Maltempo: nel Fiorentino fiumi ingrossati e frane

Maltempo: nel Fiorentino fiumi ingrossati e frane

La tanta pioggia caduta anche la notte scorsa nel territorio – fino a 40-50 millimetri – che fa capo alla città metropolitana di Firenze ha comportato l’innalzamento dei fiumi e varie frane. Così la protezione civile della Metrocittà che parla di una “situazione sotto controllo, ma da monitorare”.

In particolare, spiega il consigliere delegato Marco Fratini, il secondo livello di guardia è stato superato a Dicomano da Ombrone Pistoiese e dalla Sieve, mentre è stato sfiorato dal
Bisenzio. “Tuttavia, al momento le precipitazioni sono in forte attenuazione e comunque la parte principale della perturbazione è passata””. Prevedibile poi “un aumento dei livelli idrometrici dell’Arno che agli Uffizi e a Rosano ha superato il I livello di guardia”: già ieri l’Arno aveva superato a Firenze il primo livello di criticità. Segnalate poi frane diffuse, alberi e rami a terra soprattutto nella zona empolese. Ancora “appozzamenti a Scandicci. Caduto un palo della Telecom (linea secondaria) vicino al cantiere per la passerella di San Donnino e fenomeni erosivi sugli argini del Vingone. Vigili del fuoco al lavoro su un tetto a Vingone”.

Ha superato il primo livello di guardia l’Arno all’altezza di Empoli (Firenze) in queste ore ed è attesa, nel corso del pomeriggio, un’importante ondata di piena. E’ quanto si apprende dalla protezione civile dell’Empolese Valdelsa.
Al momento i dati del Cfr Toscana danno un livello del fiume nell’Empolese a due metri e mezzo. Nella zona i fenomeni di pioggia e vento sono in diminuzione ma in queste ore sono in corso vari interventi dei vigili del fuoco per risolvere situazioni di micro allagamenti e alberi caduti. A Certaldo (Firenze) la protezione civile è intervenuta sulla strada regionale 429 per un pino caduto vicino alla sede stradale mentre sono diverse le chiamate al 115 che arrivano da Empoli e Castelfiorentino.

L'articolo Maltempo: nel Fiorentino fiumi ingrossati e frane proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi