Meeting dei diritti umani 2015, Barni: “Insieme per dire no alle derive distruttive”

FIRENZE - "Questa XIX edizione del Meeting dei diritti umani parte dal tema del rapporto tra formazione e mondo del lavoro, alla ricerca di un modulo di conciliazione per offrire un futuro alle giovani generazioni. Ma  cade in un momento particolare, caratterizzato dal fenomeno globalizzato di rifugiati e di vittime di guerra che sembrano negare quel futuro, entro un disegno che pare voler distruggere l'essenza stessa dell'educazione e della conoscenza. Noi cerchiamo reazioni a questa deriva".

Così stamani  la vicepresidente Monica Barni, che domattina aprirà l'incontro al PalaMandela di fronte a migliaia si studenti toscani, presentando l'evento insieme al presidente Enrico Rossi, al direttore generale del tradizionale partner organizzativo Oxfam Italia, Roberto Barbieri, e alla assessore all'istruzione Cristina Grieco.

E mentre il presidente Rossi non ha mancato di rivolgere un ringraziamento particolare agli uffici regionali che si sono impegnati nella complessa organizzazione del meeting, e alla direzione del PalaMandela per l'ormai quasi ventennale collaborazione, l'assessore Grieco ha voluto sottolineare "l'appuntamento con l'avvio di un percorso educativo in un mondo globalizzato, nel quale l'istruzione risalta sempre più come strumento fondamentale di crescita".

I commenti sono chiusi