Metastasio di Prato, nuova stagione all’insegna di una “festosa trasformazione culturale”

PRATO – "Una stagione che conferma la rilevanza regionale del Teatro Metastasio, capace di sfruttare al meglio l'ampia disponibilità delle sue quattro sedi attraverso le caratteristiche di ciascuno di essi, e dove la sua offerta differenziata può aprirsi in modo ottimale ai pubblici più variegati".

Questo il commento della vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni, che è intervenuta stamani, insieme al sindaco Matteo Biffoni e all'assessore comunale alla cultura Simone Mangani, alla presentazione del programma 2016/2017 di spettacoli della nuova gestione Massimo Bressan (presidente della fondazione) - Franco D'Ippolito (direttore).

Tra Teatro Metastasio, Fabbricone, Teatro Magnolfi e Fabbrichino, annunciati 32 spettacoli, 172 recite (31 in più della stagione appena conclusa) con 9 produzioni nuove per 82 recite. Tutto caratterizzato dalla qualità offerta da firme del teatro italiano di altissima qualità artistica e dalla collaborazione con molte altre realtà teatrali regionali,  nazionali e internazionali, ha sottolineato D'Ippolito, che portereanno 23 spettaccoli ospiti con 89 recite.

Altre novità il potenziamento del servizio on-line per abbonamenti e biglietteria, il cui utilizzo porterà sconti, e gli orari degli spettacoli: 20.45 nei giorni feriali, 19.30 il sabato, 16.30 la domenica. Ci sarà anche un servizio di bus navetta dalla stazione di Porta al Serraglio al Fabbricone e Fabbrichino in occasioni delle rappresentazioni in quei due siti.

L'obiettivo, ha sottolineato ancora D'Ippolito, è un incremento di pubblico quantificato in tra il 15 e il 20 per cento rispetto al passato più recente , cercando di superare nelle quattro strutture teatrali quota 26mila spettatori e 208mila euro di incassi al botteghino. Per fare davvero degli spazi teatrali luoghi socializzanti, "festosa trasformazione culturale e artistica, ma ancora prima politica e civile".

 

I commenti sono chiusi