“Meyer per amico”: ospedale in festa per piccoli e famiglie

“Meyer per amico”: ospedale in festa per piccoli e famiglie

Una giornata all’insegna dell’allegria, con giochi, spettacoli, laboratori e animazioni: anche quest’anno all’ospedale pediatrico fiorentino Meyer tradizionale open day promosso dalla Fondazione Meyer.

E’ ‘Il Meyer per amico’, festa dedicata ai bambini e alle famiglie, per vivere l’ospedale in modo diverso e imparare a considerarlo, appunto, come un ‘amico’, in programma domani 24 febbraio. Madrina sarà l’attrice Vittoria Puccini.

Quest’anno ci sarà poi un’iniziativa speciale, la mostra fotografica ‘Mpiù storie’: attraverso immagini e parole, i piccoli pazienti, e anche gli operatori raccontano la loro esperienza. Tutti gli eventi sono gratuiti. Ospite d’onore della giornata sarà appunto Vittoria Puccini Puccini che, alle 11.30, leggerà la storia di Carlotta, una delle piccole protagoniste della mostra, che sarà presente, insieme a tutti gli altri. Grande attesa anche per la visita, prevista nel tardo pomeriggio, della delegazione dei giocatori della Fiorentina, che come ogni anno sarà presente per far sentire la sua vicinanza ai piccoli.

Ci sarà poi una sorpresa preistorica nel parco dell’ospedale, e sempre in giardino saranno posizionati i mezzi di soccorso dei vigili del fuoco e altri della polizia di Stato. Sempre al’esterno sarà creato il Villaggio natura a cura dei carabinieri forestali della Toscana, e ci saranno gli asinelli dell’Arci Asino di Calenzano. Ancora ci sarà la musica dei ragazzi dell’ensemble Crescendo della Scuola di musica di Fiesole, l’Orchestra della Scuola di musica di Greve in Chianti e di T’Incanto, il coro composto dagli operatori della terapia intensiva neonatale del Meyer. E poi i burattini dei Pupi di Stac, clown e gli animali a quattro zampe della Pet therapy. Sarà anche presentato un progetto di educazione e prevenzione nell’ambito del programma ‘Kids save lives’.

L'articolo “Meyer per amico”: ospedale in festa per piccoli e famiglie proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi