Michelangiolesca 2015 – Coltivare l’anima

14-19 Luglio

un progetto di Sergio Risaliti e Umberto Montano

Direzione scientifica Sergio Risaliti

Promosso dal Comune di Firenze e Mercato Centrale

In collaborazione con Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Ex Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di FirenzeOpera Medicea Laurenziana, Accademia delle Arti del Disegno, Associazione Mus.e, Studi d’Arte Cave Michelangelo, Assessorato alla Cultura Comune di Carrara, Liceo Galileo di Firenze, UNESCO – Centro Storico di Firenze

Sponsor: Chianti Banca, Consorzio del Chianti Classico, Laika, Cave Michelangelo, La Toraia – Tenuta La Fratta, Firenze Parcheggi, La Pasqua di Bach, Florencetown, Banca del Credito Cooperativo di Signa. Spazio A, Imaginem


Dal 14 luglio al 19 luglio 2015 sarà organizzata la prima Settimana Michelangiolesca, un programma di eventi e concerti, di lectio e mostre, di spettacoli multimediali e performance urbane, dedicato al grande artefice fiorentino. La Settimana – promossa dal Comune di Firenze e dal Mercato Centrale di Firenze, in collaborazione con Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo – Ex Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze, Opera Medicea Laurenziana, Accademia delle Arti del Disegno, Associazione Mus.e, Assessorato alla Cultura del Comune di Carrara, Liceo Galileo di Firenze- si svolgerà prevalentemente sul sagrato della Basilica di San Lorenzo. Saranno coinvolti anche altri luoghi come Piazza Santa Croce, Piazza Signoria, Museo di Casa Martelli.

Durante la settimana un camper offerto da Laika si sposterà nei quartieri di Firenze: dall’Isolotto a Gavinana, da Peretola al Galluzzo, per raccontare la più bella storia italiana, quella del nostro patrimonio artistico. Il progetto I LAIKART si avvale della mediazione culturale dell’Associazione Mus.e e della collaborazione di Spazio A.

Le lectio sul sagrato della Basilica di San Lorenzo saranno accompagnate da eventi multimediali e musicali, cui si aggiungono quest’anno mostre e forme diverse di mediazione culturale atte ad avvicinare il grande pubblico ai temi e alle immagini dell’arte, dell’architettura, delle diverse discipline e forme della creatività in un confronto dinamico tra glorioso passato e mondo contemporaneo. Una festa in cui la funzione propedeutica prevarrà sempre e comunque, anche quando le forme di coinvolgimento assumeranno carattere spettacolare e popolare.

Sperimentata lo scorso anno, con una serie di eventi concentrati nell’arco di una sola giornata, esattamente il 14 luglio (in precisa concomitanza con l’anniversario delle esequie funerali di Michelangelo avvenute giustappunto in San Lorenzo il 14 luglio 1564), la nuova edizione si dipana nell’arco di più giorni e si propone come un festival culturale annuale incentrato sulla vita e le opere del genio quadruplice: Michelangelo pittore, scultore, architetto e poeta. Senza tralasciare gli aspetti teologici, politici, etici sottesi nell’arte del Buonarroti, che, sempre a livello altissimo e intensissimo, fu artista intellettuale, artista cristiano, artista engagè. Aspetti di un genio multiforme che rimbalzano fino a noi, attraverso i secoli, suscitando nuove emozioni e narrazioni, nuove interpretazioni e suggestioni.

Questa multiforme varietà di linguaggi, tecniche, temi e soggetti offre l’opportunità di generare una festa culturale aperta ai diversi ambiti dell’arte e dell’architettura, della poesia e della filosofia, coinvolgendo esponenti dei vari comparti umanistici, compresi quelli della teologia e della scienza, della politica e dell’antropologia. L’intento è tuttavia anche quello di coinvolgere con eventi speciali il più vasto pubblico, in modo che la festa del pensiero e della conoscenza sia anche festa delle emozioni e delle rivelazioni, in una dimensione anche popolare, cioè godibile e comprensibile a tutti i livelli. Ecco perché la festa michelangiolesca promossa dal Comune di Firenze ha trovato nel Mercato Centrale di Firenze e nell’Opera Medicea Laurenziana i partner ideali per tenere uniti i tanti livelli: dal tono alto e spirituale dell’ispirazione dell’artista, a quello basso e gravoso della vita e del lavoro dell’uomo;  e poi la sublimazione e il piacere, il genio che dialoga con papi, cardinali, principi e signori, l’artefice che sceglie la solitudine e la povertà per liberamente immaginare e creare.

Nel segno del Buonarroti,  artista multiforme e universale, la Settimana Michelangiolesca vuole essere un momento di condivisione culturale, in cui la conoscenza del patrimonio si collega alla valorizzazione delle nuove forme di arte e creatività, in una contaminazione di saperi e pratiche, di ieri e di oggi con inviti estesi a personalità del mondo della cultura, ad architetti, artisti, storici dell’arte, scrittori: da Oliviero Toscani e Paolo Crepet, da Mario Botta  e Massimiliano Fuksas a Marco Casamonti e Giacomo Marramao,  da Luca Doninelli e Marco Vichi a Sandro Lombardi e Monica Bietti, e poi ospiti di eccezione in occasione del primo Premio Cave Michelangelo come Jan Fabre e Alba Donati, Domenico Bianchi, Marco Casamonti e Cristina Acidini. La musica sarà protagonista sul sagrato della Basilica di San Lorenzo con due serate di straordinario valore. La prima curata da Mario Ruffini per La Pasqua di Bach, la seconda con Riccardo Sandiford e Jeroen van der Wel che eseguiranno la Sonata n.9 di Beethoven.

Il Museo di Casa Martelli ospiterà giovedì 16 luglio negli spazi del piano terreno la mostra Sogno infrangibile: quattro opere di Daniela De Lorenzo, installate come lavori site-specific, in un sensibile dialogo con il contesto ambientale e le decorazioni a parete.

Il 14 luglio, primo giorno della settimana michelangiolesca, sarà evocato il trafugamento della salma di Michelangelo morto a Roma nel 1564 e l’arrivo rocambolesco del cadavere in Firenze, il legame tra Santa Croce dove le spoglie furono portate e poi tumulate, e San Lorenzo dove il grande artista venne onorato gloriosamente il 14 luglio 1564.  In quella che si può definire performance urbana in funzione propedeutica, un carro trainato da buoi si sposterà da Piazza Santa Croce a San Lorenzo.  Lungo il tragitto verranno letti al pubblico passi dalla Vita di Michelangelo scritta da Ascanio Condivi. Un viaggio a cura della “Stanza dell’attore” in compagnia del genio, la cui memorabile carriera e vicenda umana rivivrà attraverso la voce di giovani attori e le parole del biografo michelangiolesco.  I figuranti del Calcio Storico Fiorentino accompagneranno il carro fino alla basilica di San Lorenzo alla presenza degli sbandieratori e dalle Madonne fiorentine in gran parata.

Alle ore 19.00 sempre in Piazza Signoria sarà svelato al pubblico il GIGANTE, un blocco marmoreo di circa 40 tonnellate, alto cinque metri, cioè delle stesse dimensioni di quello estratto dalle montagne di Carrara nel XV secolo. Lavorato da Agostino di Duccio nel 1463-64, il marmo fu poi affidato nel 1501 a Michelangelo, che da quella scultura abbandonata ai piedi di Santa Maria del Fiore seppe creare il suo David, quel capolavoro che ancora oggi ammiriamo. Il progetto è realizzato grazie alla collaborazione con Studi d’Arte Cave Michelangelo.

Durante tutte le serate della Michelangiolesca, la facciata di San Lorenzo sarà teatro visivo per elaborazioni multimediali ispirate alla vita e all’opera di Michelangelo, il progetto sarà curato da Art Media Studio di Firenze.

Si ringraziano in particolare, gli uffici dell’amministrazione pubblica del Comune di Firenze, le istituzioni religiose della Basilica di San Lorenzo, il corteo del calcio storico, la polizia municipale e tutti coloro che hanno collaborato a vario titolo.

I commenti sono chiusi