Milani (PD): “Il Governo del popolo: lo spread? me ne frego!”

Milani (PD): "Il Governo del popolo: lo spread? me ne frego!”

d58265 29 Ottobre 2018

"Amici grillini svegliatevi: state collaborando con un governo di destra che ci porta alla deriva"

Questo l'intervento del consigliere PD Luca Milani

"La notizia della settimana è senz'altro la bocciatura della manovra fiscale da parte della Commissione Europea, ma il dubbio ragionevole di tutti è se la maggioranza abbia ottenuto quello che temeva o quello che voleva. La bocciatura era attesa ma l’impressione è che sia stata voluta da M5S e Lega per usarla in chiave elettorale o peggio ancora per chiamare una volta per tutte l’Italia fuori dalla moneta unica, come sempre detto e proposta dai due partiti salvo poi la retromarcia una volta giunti al Governo. Ma per noi cosa potrebbe significare? Voglio raccontarvi una storia, nel 1996, avevamo ancora la lira, ed io decisi di comprare casa e in banca furono ben felici di concedermi il mutuo; a 15 anni e ad un tasso di interesse del 12%.

Si avete capito bene del 12%! Poi il dilemma fu; meglio tasso fisso o variabile?

l'Italia stava ancora cercando di entrare nel primo gruppo delle Nazioni che avrebbero adottato la moneta unica, pesava lo stato dei conti pubblici, il deficit e la capacità di tenerlo sotto controllo. Il prof. Prodi (premier della coalizione di centro sinistra) si affannava per trovare una soluzione e portare l'Italia al sicuro sotto la protezione della moneta unica.

Pensando che se l'Italia non fosse riuscita ad entrare subito nel primo gruppo, le conseguenze avrebbero potute essere pesanti e lo spread (ma all'epoca pochi lo conoscevano) sarebbe schizzato; decido allora per il tasso fisso.

Passano gli anni, l'Italia, io ritengo fortunatamente, adotta da subito l'Euro ed i tassi piano piano cominciano a scendere, tanto che dopo alcuni anni trovo necessario ricontrattare il mutuo ed ottengo un vantaggioso 8% con i tassi che però continuano a scendere.

Comunque alla scadenza dei 15 anni il mio debito è onorato ma nel frattempo la mia famiglia è cresciuta siamo in 5 in una casa ormai troppo piccola.

Decidiamo di acquistare una casa più grande, vendiamo il nostro appartamento e ne compriamo un altro. E' il 2010 i tassi sono decisamente più bassi si riesce ad ottenere un mutuo intorno al 4%.

Inoltre, imparata la lezione sui tassi di interesse, questa volta, senza indugio, scelgo il tasso variabile ed effettivamente fino ad oggi si è dimostrata la scelta giusta.

Fino ad oggi, perché i rappresentanti del popolo che hanno ottenuto la maggioranza in Parlamento stanno facendo di tutto per disgregare l'Unione Europea, minandone le basi, screditandone i più autorevoli rappresentanti come abbiamo visto fare all'On Ciocca e al Vice Premier Di Maio contro Draghi.

L'Europa va cambiata non distrutta, deve ritrovare lo spirito originale con il quale fu concepita dopo la tragedia della II guerra mondiale e dei regimi nazionalisti e dittatoriali.
La sua esistenza è troppo importante perché venga rimessa in discussione da qualche signore, che indossando una felpa, ci fa credere che si possa stare meglio da soli.

Permettetemi un appello sincero agli amici grillini: “svegliatevi”; non ve ne siete accorti ma vi si è addormentata la parte sinistra …. Riprendetevi.

State collaborando ad un Governo di destra che ha derive pericolose: i fatti della Diciotti, di Riace, di Vicofaro di Lodi e della sede di Casapound a Roma vi dovrebbero suonare come campanelli di allarme! Svegliatevi!". (fdr)

I commenti sono chiusi