Nardella, se non rispettiamo Dpcm, inasprimento misure

Nardella, se non rispettiamo Dpcm, inasprimento misure

Firenze, “Se non rispettiamo queste regole che sono state introdotte” con il nuovo Dpcm “dovremo affrontare un inasprimento ulteriore” delle misure anti-contagio: lo ha affermato Dario Nardella, sindaco di Firenze, a margine della cerimonia di giuramento e conferimento degli alamari agli allievi del 9/o corso triennale della Scuola Marescialli e Brigadieri di Firenze.

“Abbiamo visto – ha proseguito il sindaco Nardella – quello che sta succedendo in Francia e in Germania dove c’è un vero e proprio coprifuoco. Io continuo a pensare che in Italia lo possiamo evitare, ma dobbiamo davvero applicare queste poche ma chiare regole che ci sono state date: evitare in qualunque caso assembramenti e ridurre al massimo anche le occasioni di ritrovo anche nelle nostre abitazioni”.

Per Nardella “l’obiettivo non è la militarizzazione, non è con i delatori della porta accanto che noi possiamo affrontare la questione,a innanzitutto con il senso di responsabilità di ciascuno di noi. Poi i controlli si devono intensificare, e certamente se uno sbaglia deve pagare per i suoi errori, ma gli italiani hanno dimostrato da marzo che con il senso civico e di responsabilità si può fare molto, non a caso ci hanno tutti ammirato per come abbiamo affrontato la prima ondata di contagi: cerchiamo di far tesoro di quelle esperienze ed evitiamo assolutamente una seconda ondata di proporzioni maggiori, e un lockdown che non possiamo assolutamente permetterci, prima di tutto dal punto di vista economico e sociale”.

L'articolo Nardella, se non rispettiamo Dpcm, inasprimento misure proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi