‘Novo Modo 2015′, Fratoni: “Uno sguardo attento sui temi centrali del nostro tempo “

FIRENZE – "Apprezzo molto l'iniziativa di Novo Modo perché in un mondo in cui la partecipazione è divenuta quasi esclusivamente virtuale, credo ci sia il bisogno di riscoprire i luoghi fisici dove ci si confronta e si affrontano tematiche fondamentali per il nostro vivere quotidiano e per le prospettive di questo Paese, di questo pianeta".

Lo ha detto l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni alla presentazione dell'edizione 2015 di Novo Modo, la tre giorni di dialogo e elaborazione di pensieri e proposte su temi quali l'ambiente, l'equità, la legalità e la giustizia in corso dal 23 al 25 ottobre all'Auditorium di Sant'Apollonia, in via San Gallo, a Firenze.

"Dobbiamo recuperare modalità nuove di vivere anche le disuguaglianze – ha continuato Fratoni - con la volontà di volerle superare in via definitiva. Anche Papa Francesco nella sua recente enciclica sull'ambiente ci dice che le disuguaglianze non sono solo di natura economica e sociale ma sono appunto anche ambientali: esistono parti di mondo che sono state sfruttate e logorate a beneficio di altre parti più evolute e industrializzate. Si tratta di sfide davvero globali, di fronte alle quali penso sia utile prendersi il tempo, concedersi questo lusso del tempo sì, per poter elaborare idee e progetti volti a un miglioramento generale delle nostre comunità".

Ambiente, società, economia, legalità: Novo Modo si propone anche in questo secondo appuntamento come un'occasione per dialogare sui temi centrali del nostro tempo. Il collante dei tanti partner della manifestazione è infatti la comune passione per l'umano, l'impegno per la buona politica, la determinazione a superare localismo e interessi personali.

Per questo da venerdì a domenica si alterneranno decine di operatori attraverso lectio, seminari, workshop ed incontri che proporranno idee per un diverso modello di sviluppo, a cominciare dal seminario su diritti e giustizia in programma alle 9.30 di venerdì 23 che sarà seguito alle 12.30 dalla lectio su una società civile, con Tonio Dell'Olio di Libera, una società che vuole e deve sentirsi responsabile delle sue azioni e scelte.

Sempre nel giorno dell'inaugurazione sarà presente anche Vandana Shiva che alle 17.30 parlerà dei temi che la vedono impegnati da anni: suolo, beni comuni e futuro.

La giornata di sabato 24 si aprirà invece con un seminario su lavoro e reddito al quale parteciperà anche il segretario nazionale CISL Maurizio Bernava mentre a fine mattinata sarà presente a Novo Modo il presidente di Libera, don Luigi Ciotti. Di disuguaglianze e povertà parleranno i rappresentanti di Caritas Italia e Oxfam Italia mentre clima e welfare saranno i temi di fine giornata, con la presenza tra gli altri di Ugo Biggeri, presidente di Banca Etica.

Tra gli appuntamenti della giornata conclusiva, domenica 25, la lectio sulle crescenti disuguaglianze nel nostro paese insieme alla sociologa Chiara Saraceno e quella su economia e politica civili che sarà tenuta dall'economista Stefano Zamagni.

Ultimo confronto quello sul tema dei migranti e sulla necessità di aprire le barriere, costruendo ponti ed abbattendo muri. I tre giorni di incontri saranno aperti a tutti ad ingresso libero: il programma è consultabile dal sito di NOVO MODO

I commenti sono chiusi