Occhio alle truffe, la polizia municipale mette in guardia gli anziani

Occhio alle truffe, la polizia municipale mette in guardia gli anziani

Un ciclo di incontri in sedi associative e circoli ricreativi. I prossimi appuntamenti.

d29474
25 Maggio 2018

Sono iniziati il 23 maggio al Circolo Ricreativo Ponte a Greve di via Pisana gli incontri della Polizia Municipale con la popolazione anziana sul tema della sicurezza. L’ obiettivo, rivolto in particolare a chi vive solo o in condizioni di fragilità, è quello di fornire gli strumenti necessari per difendersi dalle truffe. Nel corso degli incontri  vengono indicati alcuni semplici accorgimenti da adottare in strada (es. portare la borsa sul lato interno vicino al muro, non farsi distrarre da sconosciuti etc.)  oppure in banca (meglio accreditare la pensione su conto corrente e domiciliare il pagamento delle bollette)  o in bici (non lasciare mai la borsa nel cestino della bicicletta anche mentre si pedala) o in bus (prestare particolare attenzione ai borseggiatori).

Il consiglio fondamentale resta quello di chiamare Polizia Municipale,  Carabinieri, Polizia di Stato o Finanza nel caso in cui l’anziano si senta minacciato o vittima di  raggiro.

Ecco i prossimi incontri già in programma:
28 maggio, ore 15.30, associazione “Vivere in libertà”, viuzzo delle Case Nuove;
7 giugno, ore 17, Circolo “La Rinascente”, via del Ponte a Iozzi 45 (Cascine del Riccio); 12 giugno, ore 16, Centro Anziani C.A.M.P.A. via Biagini 6  (Galluzzo).
 

I commenti sono chiusi

Occhio alle truffe, la polizia municipale mette in guardia gli anziani

Occhio alle truffe, la polizia municipale mette in guardia gli anziani

Un ciclo di incontri in sedi associative e circoli ricreativi. I prossimi appuntamenti.

d29474 25 Maggio 2018

Sono iniziati il 23 maggio al Circolo Ricreativo Ponte a Greve di via Pisana gli incontri della Polizia Municipale con la popolazione anziana sul tema della sicurezza. L’ obiettivo, rivolto in particolare a chi vive solo o in condizioni di fragilità, è quello di fornire gli strumenti necessari per difendersi dalle truffe. Nel corso degli incontri  vengono indicati alcuni semplici accorgimenti da adottare in strada (es. portare la borsa sul lato interno vicino al muro, non farsi distrarre da sconosciuti etc.)  oppure in banca (meglio accreditare la pensione su conto corrente e domiciliare il pagamento delle bollette)  o in bici (non lasciare mai la borsa nel cestino della bicicletta anche mentre si pedala) o in bus (prestare particolare attenzione ai borseggiatori).

Il consiglio fondamentale resta quello di chiamare Polizia Municipale,  Carabinieri, Polizia di Stato o Finanza nel caso in cui l'anziano si senta minacciato o vittima di  raggiro.

Ecco i prossimi incontri già in programma:
28 maggio, ore 15.30, associazione “Vivere in libertà”, viuzzo delle Case Nuove;
7 giugno, ore 17, Circolo “La Rinascente”, via del Ponte a Iozzi 45 (Cascine del Riccio); 12 giugno, ore 16, Centro Anziani C.A.M.P.A. via Biagini 6  (Galluzzo).
 

I commenti sono chiusi