Operaio morto ieri a Scandicci, il cordoglio dell’assessore Saccardi

FIRENZE - "Esprimo il mio cordoglio e la mia vicinanza alla famiglia dell'operaio morto ieri in un cantiere edile a Scandicci. Il Comune di Rignano sull'Arno ha indetto per oggi il lutto cittadino, e anche la giunta regionale si stringe alla moglie e ai cinque figli, che questa ennesima tragedia sul lavoro ha lasciato senza marito e senza padre". L'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, a nome di tutta la giunta, partecipa al dolore della famiglia e dei concittadini dell'operaio morto ieri nell'incidente avvenuto in un cantiere a Scandicci, in cui sono rimasti feriti due suoi colleghi di lavoro.

"Troppo spesso - commenta l'assessore Saccardi - ci troviamo a piangere morti sul lavoro. Proprio domenica scorsa, partecipando alla giornata delle vittime degli incidenti sul lavoro indetta a Pistoia dall'Anmil, avevo detto che, anche se le statistiche ci parlano di un miglioramento, non dobbiamo comunque rilassarci e dobbiamo tenere sempre la guardia alta. Negli ultimi anni noi abbiamo aumentato di molto i controlli nei cantieri e in tutti i luoghi di lavoro, ma ancora la cultura della sicurezza e della prevenzione fatica ad affermarsi. Non si può e non si deve parlare di fatalità. Per ridurre e cancellare gli infortuni e le morti sul lavoro occorre una vera e propria alleanza tra lavoratori e datori di lavoro, per mettere in pratica tutte le regole e i comportamenti necessari perché gli incidenti non avvengano".

I commenti sono chiusi