Ospedale di Livorno, Stefania Saccardi risponde al sindaco Nogarin

FIRENZE - "Voglio ricordare al sindaco di Livorno Filippo Nogarin, che dice di essere in attesa della convocazione della Regione per siglare insieme il nuovo accordo di programma per avviare i lavori di riqualificazione dell'ospedale, che al momento la Regione è ancora in attesa che le amministrazioni firmatarie del precedente accordo di programma (quello che prevedeva la realizzazione del nuovo presidio ospedaliero in località Banditella bassa), e in particolare il Comune di Livorno, trasmettano alla Regione stessa i rispettivi atti amministrativi che dispongono la revoca dell'accordo di programma in questione. Questa revoca è il presupposto per andare avanti col nuovo accordo di programma e avviare tutte le procedure necessarie di ristrutturazione del vecchio ospedale". L'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi risponde al sindaco di Livorno Filippo Nogarin, e chiarisce come stanno esattamente le cose rispetto alle procedure necessarie per avviare i lavori di ristrutturazione del vecchio ospedale.

"Nonostante questo ritardo da parte del Comune, - sottolinea l'assessore Saccardi - la Regione sta andando avanti con le procedure. Abbiamo avviato un tavolo tecnico e il 31 maggio scorso c'è stato un incontro con la Soprintendenza, che non si è espressa negativamente in merito ai lavori di riqualificazione: si tratta di esplicitare il progetto nei dettagli, tenendo ben presente la difficoltà di eseguire lavori consistenti mantenendo l'ospedale in esercizio".

"Voglio infine ricordare al sindaco Nogarin - aggiunge Saccardi - che la gara per l'aggiudicazione della concessione di costruzione e gestione parziale del nuovo ospedale, per un importo a base di gara di circa 191 milioni di euro, è già stata eseguita e conclusa dalla ex Asl 6 di Livorno il 25 febbraio 2014, seppure ancora non aggiudicata, perché l'aggiudicazione risulta subordinata alla stipula del contratto di permuta tra Asl e Comune di Livorno che permetterà all'azienda di entrare in possesso del terreno destinato alla nuova area ospedaliera. Pur non prevedendo il bando di gara penali specifiche in caso di mancata aggiudicazione, l'impresa prescelta potrebbe forse avanzare a lungo andare richieste di rimborsi o danni".

I commenti sono chiusi