Piattaforma farmaceutica logistico digitale: la soddisfazione è unanime

ROMA - È unanime tra i protagonisti la soddisfazione per la firma apposta stamani al Ministero per lo sviluppo economico sul Protocollo d'intesa per la realizzazione nell'interporto di Livorno di una piattaforma logistico digitale destinata a gestire il magazzino e la distribuzione dei prodotti delle industrie farmaceutiche toscane.

"Questa infrastruttura - ha sottolineato il residente della Regione Toscana, Enrico Rossi - permetterà non solo di occupare 200 nuovi addetti, ma produrrà un significativo risparmio che mi auguro possa essere investito per migliorare la salute dei cittadini, cioè nella ricerca di nuovi farmaci in grado di salvare vite umane.  E' giusto che una simile piattaforma all'avanguardia nasca in Toscana, dove l'industria farmaceutica rappresenta una fetta rilevante dell'economia, ovvero il 6% del nostro prodotto interno lordo grazie al lavoro di 11.000 occupati. E il positivo rapporto che si è  sviluppato tra pubblico e privato per realizzare questo progetto, ci fa sentire ancora di più comunità  toscana. Per questo importante risultato, frutto della collaborazione tra il pubblico e i privati ringrazio i miei uffici e il mondo imprenditoriale, che è stato in grado di fare egregiamente sistema".

Questo atto, secondo il ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, "è esattamente i tipo di politica industriale che serve nel settore farmaceutico, che è  quello in cui oggi nel mondo ci sono più investimenti e che ha in Toscana un polo di assoluta eccellenza. Siamo insomma di fronte ad un bell'atto di politica industriale".  E, rivolgendosi ai rappresentanti delle imprese, ha aggiunto: "saremo al vostro fianco per realizzare nel più breve tempo possibile questa davvero bella impresa".

A nome delle aziende farmaceutiche con sede in Toscana è intervenuto Giuseppe Seghi Recli, amministratore delegato di Molteni farmaceutici.
"Grande è  la soddisfazione delle imprese  - ha detto  - per questa realizzazione. È una contraddizione che supereremo, quella che avessimo 1 milione di export senza una nostra piattaforma dedicata. Le nostre imprese hanno voluto colmare questo vuoto facendo sistema. Sottoscriveremo a breve il primo contratto di rete in Italia, uno strumento innovativo che la stessa Confindustria sta supportando, una leva competitiva finora trascurata. Contiamo di ridurre gli stock medi di magazzino dagli attuali 4 mesi a 1-2, realizzando una delle migliori pratiche dì distribuzione e accrescendo la nostra competitività".

E, dopo aver sottolineato, per averlo toccato con mano, l'ottimo know how posseduto da aeroporto ed interporto, ha voluto ringraziare a nome di tutte le imprese lo staff del presidente della Regione e lo stesso Enrico Rossi per l'importante ruolo che hanno avuto nella concretizzazione di questo progetto.

Per conto del Comune di Collesalvetti, sul cui territorio verrà realizzata la piattaforma, è intervenuto l'assessore all'urbanistica, Riccardo Demi, che ha assicurato che l'amministrazione comunale farà in modo di velocizzare le procedure che porteranno alla realizzazione dell'infrastruttura e di favorire il rispetto dei tempi previsti per un insediamento rispetto al quale ha espresso tutta la sua soddisfazione.
 

I commenti sono chiusi

Piattaforma farmaceutica logistico digitale: la soddisfazione è unanime

ROMA – È unanime tra i protagonisti la soddisfazione per la firma apposta stamani al Ministero per lo sviluppo economico sul Protocollo d’intesa per la realizzazione nell’interporto di Livorno di una piattaforma logistico digitale destinata a gestire il magazzino e la distribuzione dei prodotti delle industrie farmaceutiche toscane.

“Questa infrastruttura – ha sottolineato il residente della Regione Toscana, Enrico Rossi – permetterà non solo di occupare 200 nuovi addetti, ma produrrà un significativo risparmio che mi auguro possa essere investito per migliorare la salute dei cittadini, cioè nella ricerca di nuovi farmaci in grado di salvare vite umane.  E’ giusto che una simile piattaforma all’avanguardia nasca in Toscana, dove l’industria farmaceutica rappresenta una fetta rilevante dell’economia, ovvero il 6% del nostro prodotto interno lordo grazie al lavoro di 11.000 occupati. E il positivo rapporto che si è  sviluppato tra pubblico e privato per realizzare questo progetto, ci fa sentire ancora di più comunità  toscana. Per questo importante risultato, frutto della collaborazione tra il pubblico e i privati ringrazio i miei uffici e il mondo imprenditoriale, che è stato in grado di fare egregiamente sistema”.

Questo atto, secondo il ministro dello sviluppo economico, Carlo Calenda, “è esattamente i tipo di politica industriale che serve nel settore farmaceutico, che è  quello in cui oggi nel mondo ci sono più investimenti e che ha in Toscana un polo di assoluta eccellenza. Siamo insomma di fronte ad un bell’atto di politica industriale”.  E, rivolgendosi ai rappresentanti delle imprese, ha aggiunto: “saremo al vostro fianco per realizzare nel più breve tempo possibile questa davvero bella impresa”.

A nome delle aziende farmaceutiche con sede in Toscana è intervenuto Giuseppe Seghi Recli, amministratore delegato di Molteni farmaceutici.
“Grande è  la soddisfazione delle imprese  – ha detto  – per questa realizzazione. È una contraddizione che supereremo, quella che avessimo 1 milione di export senza una nostra piattaforma dedicata. Le nostre imprese hanno voluto colmare questo vuoto facendo sistema. Sottoscriveremo a breve il primo contratto di rete in Italia, uno strumento innovativo che la stessa Confindustria sta supportando, una leva competitiva finora trascurata. Contiamo di ridurre gli stock medi di magazzino dagli attuali 4 mesi a 1-2, realizzando una delle migliori pratiche dì distribuzione e accrescendo la nostra competitività”.

E, dopo aver sottolineato, per averlo toccato con mano, l’ottimo know how posseduto da aeroporto ed interporto, ha voluto ringraziare a nome di tutte le imprese lo staff del presidente della Regione e lo stesso Enrico Rossi per l’importante ruolo che hanno avuto nella concretizzazione di questo progetto.

Per conto del Comune di Collesalvetti, sul cui territorio verrà realizzata la piattaforma, è intervenuto l’assessore all’urbanistica, Riccardo Demi, che ha assicurato che l’amministrazione comunale farà in modo di velocizzare le procedure che porteranno alla realizzazione dell’infrastruttura e di favorire il rispetto dei tempi previsti per un insediamento rispetto al quale ha espresso tutta la sua soddisfazione.
 

I commenti sono chiusi