Pistoia, Marroni ai sindaci: “La riforma per dare maggior stabilità al nostro sistema sanitario”

FIRENZE - "Abbiamo messo mano alla riforma per dare maggiore stabilità al nostro sistema sanitario. E non è vero che ci sono Asl "Cenerentola" e altre privilegiate. I tagli non sono ancora definiti e ci potranno essere significative inversioni di rotta, che potremo vedere solo alla fine di quest'anno. I finanziamenti sono stati distribuiti in maniera equa, quella approvata finora era una delibera di assegnazione preliminare". L'assessore al diritto alla salute Luigi Marroni ha partecipato stamani alla Conferenza dei sindaci della Asl 3 di Pistoia, presieduta dal sindaco di Pistoia Samuele Bertinelli, alla presenza del direttore generale della Asl 3 Roberto Abati.

L'assessore Marroni ha ripercorso gli ultimi due anni della sanità toscana: "Dal 2012 al 2014 è stato un periodo molto difficile – ha ricordato – Riduzioni e un taglio complessivo di 400 milioni, pari al bilancio di questa Asl. Grazie al lavoro di tutti gli operatori, ai quali va tutta la mia riconoscenza, abbiamo salvato bilanci e servizi, il sistema ha tenuto. Ora possiamo guardare in avanti, con i conti a posto. Non solo – ha sottolineato ancora – Proprio in questi anni più difficili la Toscana è salita in testa alle classifiche nazionali, come il Programma nazionale esiti o la Griglia Lea. Nel settembre 2014 si è prospettato uno scenario negativo, con ulteriori tagli. Contemporaneamente, aumenta il costo delle terapie: solo per fare un esempio, quella per l'epatite C ci costa 50 milioni in più. Per questo abbiamo messo mano alla riforma: per continuare a garantire ai toscani tutti i servizi di cui hanno bisogno".

Marroni ha dato atto alla Asl 3 del percorso fatto col suo piano di riorganizzazione e la realizzazione del nuovo ospedale di Pistoia, e ha detto che tra le prossime realizzazioni ci sarà la piazzola per l'elisoccorso a San Marcello. "Vogliamo interloquire con tutti – ha concluso – Partecipazione e concertazione. Niente è dato per scontato, il confronto continua".

(ha collaborato Daniela Ponticelli, ufficio stampa Asl 3 Pistoia)

I commenti sono chiusi