Porti: Nogarin (Anci), riforma scollega autorità da territori

Porti: Nogarin (Anci), riforma scollega autorità da territori

“Vieta ad amministratori di partecipare a comitati gestione”.

“Il decreto che corregge la riforma delle autorità portuali, varata nell’agosto 2016 nell’ambito della delega Madia, ci è stato presentato dal governo come mero restyling. Si tratta invece di un intervento che, se fosse approvato nella forma attuale, potrebbe risultare deflagrante soprattutto perché scollegherà le autorità portuali dalla rappresentatività dei territori”. Lo ha detto il sindaco di Livorno e presidente della consulta Anci delle città portuali, Filippo Nogarin, a margine dell’incontro odierno a cui hanno preso parte numerosi sindaci e amministratori di diverse città, tra le quali Messina, Genova, Pescara, La Spezia, Augusta e Monfalcone.
“La disposizione – ha spiegato il sindaco di Livorno – mira a spezzare in via definitiva qualsiasi forma di rappresentatività diretta dei territori, vietando ai sindaci e agli amministratori, nonché a coloro che hanno ricoperto incarichi nelle società pubbliche, di sedere all’interno degli organi rappresentativi del comitato di gestione dell’autorità di sistema portuale. Non si tratta infatti – ha rimarcato ancora Nogarin – di disposizioni che concorrono alla prevenzione e repressione delle condotte anticorruttive, ma di norme che mirano a trasformare di fatto le autorità portuali in soggetti economici sganciati da forme di rappresentanza diretta con i territori”.
“Allo stato attuale – ha aggiunto Nogarin – nei comitati di gestione delle autorità, che assumono decisioni di importanza strategica per lo sviluppo delle città portuali, il sindaco non potrà più procedere con una nomina di un amministratore; in questo modo viene snaturato il ruolo dei Comuni rispetto a temi centrali per le politiche del territori come piani occupazionali, piani regolatori, attività economiche”.
Al contrario, ha osservato il sindaco di Livorno, “prima la norma garantiva la tutela di interessi generali e diffusi attraverso la partecipazione nell’organo decisionale di un soggetto non nominato, bensì eletto. Perché allora – ha proposto provocatoriamente – non procedere per concorso per selezionare tutti i componenti, presidente incluso, del comitato di gestione dell’autorità portuale? Pare strano che tutte le norme di incompatibilità e inconferibilità non vengano proposte anche per presidente e segretario del Comitato”.
Durante la riunione di oggi la consulta Anci ha lavorato per elaborare proposte da portare all’attenzione del governo quando il provvedimento passerà in Conferenza Unificata. “Proposte di buon senso – ha concluso il primo cittadino e esponente Anci – che riallineino la gestione dei porti con il dialogo col territorio, nell’ottica dello sviluppo della portualità  italiana connesso con le città e con chi le abita. Credo non sia poi da temere che il sindaco o un altro amministratore locale siedano nel comitato di gestione”.

L'articolo Porti: Nogarin (Anci), riforma scollega autorità da territori proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi