Porto Livorno: Corsini e Provinciali interdetti per 1 anno 

Porto Livorno: Corsini e Provinciali interdetti per 1 anno 

l due, rispettivamente presidente e segretario generale dell’Autorità di Sistema dell’Alto Tirreno indagati nell’ambito di un’inchiesta per abuso d’ufficio nella concessione temporanea di alcuni accosti del porto toscano. Sindaco Nogarin:Ciò che sta succedendo nel porto di Livorno può avere ripercussioni sull’intera città”.

Il gip di Livorno ha accolto la richiesta di interdizione per un anno dai pubblici uffici per il presidente dell’Autorità di Sistema dell’Alto Tirreno Stefano Corsini e per il segretario generale in carica Massimo Provinciali avanzata dalla procura di Livorno per i due che risultano indagati nell’ambito di un’inchiesta per abuso d’ufficio nella concessione temporanea di alcuni accosti del porto toscano. Il provvedimento è stato notificato stamani. Respinta invece la richiesta per gli altri due amministratori indagati, ovvero l’ex presidente Giuliano Gallanti e l’ex dirigente del Demanio, Matteo Paroli. L’indagine, partita nel 2016 dopo un esposto di un terminalista, riguarderebbe contestazioni che risalgono anche a una decina di anni fa in cui risulterebbero coinvolte in tutto una decina di persone.
“Ciò che sta succedendo nel porto di Livorno può avere ripercussioni sull’intera città”. Lo ha scritto in un tweet il sindaco di Livorno Filippo Nogarin, commentando la notizia dell’accoglimento del gip della richiesta di interdizione dai pubblici uffici per 1 anno avanzata dalla procura per il presidente dell’Autorità portuale Stefano Corsini e il segretario generale Massimo Provinciali, entrambi indagati in un’inchiesta per abuso d’ufficio nella concessione temporanea di alcuni accosti del porto. “Auspico – ha aggiunto Nogarin – che il ministero riesca a trovare quanto prima la soluzione più adatta per tutelare un comparto strategico che dà lavoro a centinaia di persone”.

L'articolo Porto Livorno: Corsini e Provinciali interdetti per 1 anno  proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi