Positivo incontro a Roma per la Fratelli Elia: individuati i punti su cui chiudere l’accordo

FIRENZE – Salvaguardia dei 50 posti di lavoro, rispetto della clausola sociale finché l'azienda opererà sul territorio livornese, conferma dei contenuti dell'accordo economico sottoscritto a suo tempo dalle organizzazioni sindacali con la cooperativa Man Hand Work. L'incontro romano sulla crisi della Fratelli Elia si è concluso con una larga convergenza sui punti di un accordo ormai vicino per dare soluzione alla lunga vertenza.
 
Alla riunione, convocata presso la sede della Regione Toscana a Roma, hanno preso parte il consigliere del presidente Enrico Rossi per il lavoro, Gianfranco Simoncini, l'assessore al lavoro del Comune di Livorno, Francesca Martini, l'ad della Fratelli Elia, Roberto Volpato, e i rappresentanti di Filt Cgil e Fit-Cisl di Livorno.

Già fissato il prossimo appuntamento. Il 25 luglio, nell'Ufficio territoriale della Regione Toscana, a Livorno, si svolgerà l'incontro in sede istituzionale previsto nell'ambito della procedura di mobilità aperta dalla Società Fratelli Elia.
Secondo l'auspicio emerso concordemente dal confronto di oggi e registrato nel verbale di riunione firmato da tutti i presenti, ci sono le condizioni "perché in quella sede si addivenga ad un accordo che risolva la vertenza che è in corso da mesi". Si tratta di compiere l'ultimo passo, ha sottolineato Simoncini, verso una soluzione ampiamente positiva della vicenda.

I commenti sono chiusi