Primo nato con eterologa a Careggi, Rossi: “E ora la sfida è l’epatite C”

FIRENZE - "Auguri al bambino e ai genitori. Siamo felici di aver contribuito alla nascita di una nuova vita. E' il primo bambino nato in Italia, a Careggi, in una struttura pubblica attraverso il metodo della fecondazione eterologa. La sanità toscana ne è orgogliosa. Per la qualità dei servizi e per l'impegno in difesa e per la promozione dei diritti della persona".

E' con queste parole che il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha accolto la notizia della prima nascita in una struttura pubblica italiana attraverso l'eterologa.

"E' un diritto della persona accedere alla fecondazione eterologa. In Italia: lo abbiamo dimostrato noi prima di tutti gli altri. Adesso - ha concluso il governatore rilanciando una nuova sfida - dimostreremo che è un diritto delle persone accedere farmaci per eradicare l'epatite C".

I commenti sono chiusi