Progetti per le scuole per celebrare i 200 anni del Gabinetto Vieusseux!

Il Gabinetto Vieusseux si avvicina ai 200 anni: era il 9 dicembre del 1819 quando Giovan Pietro Vieusseux annunciò l’apertura di un luogo che metteva a disposizione degli abbonati 42 giornali ‘scientifici e letterari’, italiani, inglesi, francesi, tedeschi, in Palazzo Buondelmonti in Piazza Santa Trinita.

Alba Donati, neo-presidente della prestigiosa istituzione del Comune di Firenze, ha creato, insieme al direttore Gloria Manghetti (le prime donne a ricoprire dopo due secoli le cariche di vertice), un percorso di avvicinamento ai 200 anni con due progetti: Scrittori raccontano scrittori e Culture di carta. Entrambi i progetti sono stati pensati per le scuole medie superiori, che hanno aderito con entusiasmo, e gli incontri saranno comunque aperti al pubblico fino ad esaurimento posti.

SCRITTORI RACCONTANO SCRITTORI
Sala Ferri \ Palazzo Strozzi, ore 11.00
Scrittori raccontano scrittori è un progetto triennale: ogni anno 10 scrittori rileggono 10 scrittori di ieri, le cui carte sono custodite nell’Archivio Contemporaneo del Gabinetto. L’Archivio Bonsanti ha più di 150 fondi: “un suggestivo percorso – dice il direttore Gloria Manghetti – tra autografi, dipinti, libri, oggetti, fotografie, e cimeli vari che ben si prestano a un viaggio della o nella memoria”. Agli scrittori è stato chiesto di ‘frugare’ nelle carte dell’Archivio Bonsanti alla ricerca di una chiave di lettura nuova dell’autore scelto. L’obiettivo è portare gli studenti del liceo ad ascoltare alcune riletture appassionate – dal Leopardi vessato dal gruppo di intellettuali che si riunivano al Vieusseux  di cui parlerà Maurizio Maggiani, al Tabucchi maestro e amico fraterno di Andrea Bajani,  passando per  il ritratto che Elena Stancanelli farà in occasione dei 40anni dalla morte di Cristina Campo. Saranno racconti fatti a partire da qualcosa di raro o di inedito,   uno scarabocchio, una variante scritta a margine,  un disegno sul quaderno di appunti.

CULTURE DI CARTA
Sala Ferri \ Palazzo Strozzi, ore 15
Incontri dedicati ai supplementi culturali Culture di carta è un percorso per le scuole superiori dedicato alla conoscenza dei vari supplementi culturali. I ragazzi sono stati dotati, dal Gabinetto Vieusseux stesso, di vari numeri dei supplementi coinvolti, e hanno potuto lavorarci in classe. L’Italia vanta una lunga tradizione relativa a questo argomento, soprattutto se consideriamo le riviste dei primi del Novecento, e la stessa Antologia del Vieusseux, come antesignane dei supplementi culturali. Da La lettura a TTL, da Alias a Robinson, dalla Domenica del Sole24ore al Piacere della lettura, a Fahrenheit che pur essendo una trasmissione radiofonica, condivide i presupposti del cartaceo, ciascuno illustrerà il lavoro di redazione, la scelta dei temi, la grafica, le rubriche, la scelta dei collaboratori. I vari modi di leggere la complessità dell’oggi.

Scarica il comunicato stampa

I commenti sono chiusi