Pronto il percorso nel 2016 del 50mo anniversario dell’alluvione del ’66

FIRENZE – Alla vigilia del 49mo anniversario dell'alluvione del 1966 che colpì disastrosamente Firenze e la Toscana, è stato presentato stamani in Palazzo Vecchio il comitato 2016 Progetto Firenze, l'organismo copresieduto dal Comune di Firenze e dalla Regione e nato per organizzare le manifestazioni del 50mo anniversario del 4 novembre 2016.

Un anniversario, ha promesso il sindaco Dario Nardella, che non sarà meramente celebrativo; al contrario, servirà a illustrare quanto fatto e si farà, ed è molto, in questi cinquant'anni a favore dell'ambiente e della salvaguardia del territorio per evitare il possibile ripetersi di tragedie come quella del '66. Ma anche a condividere con tutto il mondo, quello stesso che espresse attraverso l'arrivo spontaneo degli Angeli del fango, una volontà di rispondere, senza guardare alle nazionalità, alle emergenze e alla distruzione delle memorie storiche in quanto patrimonio condiviso.

"Quello cui il comitato 2016 sta lavorando – ha affermato la vicepresidente e assessore alla cultura Monica Barni che recava il saluto del presidente Enrico Rossi – è l'inclusione di tante iniziative a formare un unico, grande evento da celebrare insieme attraverso il coinvolgimento di tutti. Mi preme in particolare sottolineare il valore culturale e pedagogico del programma di questo cinquantenario, che parlerà di ambiente, di salvaguardia ma anche di solidarietà ancora oggi molto attuali".

"Una tragedia che colpì Firenze certamente in modo terribile, e che non risparmiò anche altri territori della regione – ha aggiunto -.  E' proprio a partire dalla necessità di prevenzione che è nato lo stretto dialogo con tanti Paesi afflitti da frequenti calamità, così da individuare e condividere, anche attraverso il ruolo della ricerca , i risultati raggiunti e gli obiettivi dei prossimi anni".

I commenti sono chiusi