Pronto soccorso: in Toscana urgenze in base a numeri, stop colori

Pronto soccorso: in Toscana urgenze in base a numeri, stop colori

Dal primo gennaio 2018, nei pronto soccorso della Toscana i codici di priorità non saranno più in base al colore (da bianco a rosso) ma numerici: dall’1 dell’emergenza al 5 della non urgenza.

La novità è stata illustrata oggi dall’assessora toscano al diritto alla salute Stefania Saccardi, e fa parte della riorganizzazione del Pronto soccorso varata dalla Giunta regionale con una delibera approvata nel corso dell’ultima seduta.

Ogni giorno in Toscana, è stato ricordato, circa 4100 cittadini si presentano ad un Pronto soccorso, per un totale di 1,5 milioni di accessi nello scorso anno. Ben 3 accessi su 4 hanno come esito la dimissione senza ricovero e per diminuire i tempi di attesa al pronto soccorso i casi non urgenti saranno indirizzati verso percorsi più idonei alle loro necessità e presi in carico dal personale infermieristico.

In base ai codici di priorità a chi sarà assegnato 1, sinonimo di emergenza, non svolgerà attesa, il 2 prevede la presa in carico entro 15 minuti, il 3 entro 60 minuti, il 4 entro 120 minuti, e il 5 entro i 240 minuti.

“Il pronto soccorso è per sua natura una delle aree a maggiore complessità all’interno di una struttura ospedaliera – ha evidenziato Saccardi -. Abbiamo voluto ripensare l’intera organizzazione del pronto soccorso, sia per accorciare i tempi di attesa che per assicurare un’attenzione maggiore alle persone più fragili. La nuova organizzazione entrerà in funzione con l’inizio del 2018. Il passaggio dai codici colore a quelli numerici è l’aspetto più evidente, ma in realtà le trasformazioni coinvolgono tutto il percorso dell’emergenza urgenza”.

L’assessore ha ricordato che “gran parte del tempo che le persone trascorrono al pronto soccorso è il tempo di attesa, circa il 75%. Questa organizzazione permette che i codici minori non siano costretti ad aspettare all’infinito il loro turno ma vengano dirottati verso un percorso specifico dove possono essere presi in carico dal personale infermieristico e trovare anche per loro la risposta più adeguata”.

L'articolo Pronto soccorso: in Toscana urgenze in base a numeri, stop colori proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi