Regione, Artex e PromoFirenze potenziano presenza economica in Corea del Sud

FIRENZE - Sviluppare la presenza economica della Toscana in Corea del Sud puntando su un concetto di promozione integrata che faccia leva su collegamenti virtuosi tra enti, settori ed iniziative e sugli elementi di qualità, creatività e stile delle produzioni. E' stato presentato stamattina nel salone monumentale di Toscana Promozione Turistica, a Firenze, il progetto ‘Destinazione Corea del Sud', nel corso di un seminario al quale ha preso parte anche l'assessore alle attività produttive Stefano Ciuoffo. Il progetto coinvolge Regione, Artex (Centro per l'Artigianato Artistico e Tradizionale della Toscana) e PromoFirenze.

La Toscana reputa il mercato coreano come sbocco strategico per tante imprese grazie alla sua vivacità e alla propensione del consumatore verso prodotti di qualità. "Un mercato con grandi potenzialità – ha detto Ciuoffo in apertura di incontro – sia per la strategica posizione, in un'area del mondo caratterizzata da consumi in forte crescita, che per la capacità della Toscana di offrire vere e proprie eccellenze in settori dove la qualità è un elemento costante".

Il progetto multisettoriale oltre a Regione, Artex e PromoFirenze coinvolge vari altri soggetti: Arezzo Fiere e Congressi, Associazione Conciatori Santa Croce, Consorzio Conciatori Ponte a Egola, Consorzio Promozione Filati, My Vintage Academy, Polimoda, Camera di Commercio Italo-Koreana, Consorzio Bimbo Italia, Camera di Commercio di Arezzo, Next Technology – Tecnotessile. I settori interessati sono la moda, il settore casa, vino e agroalimentare. "Per la Toscana – ha aggiunto Ciuoffo - rappresentano eccellenze, settori dove primeggiamo e che possono incontrare e senza dubbio incontreranno i gusti della popolazione coreana che sta crescendo molto ed è molto attenta da ciò che arriva da occidente".

L'assessore ha poi spiegato che l'approccio utilizzato per il progetto è in linea con gli indirizzi tracciati dal Piano annuale di promozione economica e turistica per l'anno 2016, Piano che è strumento programmatico unitario attraverso cui vengono pianificate le strategie, gli interventi e le risorse per la promozione economica. Ha quindi ricordato che per il 2016 il Piano prevede uno stanziamento di 6,5 milioni di euro e che punto chiave per competere a livello internazionale è la creazione di sinergie con tutti gli enti che operano nei vari settori. Infine ha sottolineato l'importanza di introdursi nel mercato coreano considerato come vero e proprio trampolino di lancio verso i vicini mercati asiatici, in particolare Cina e Giappone.

I commenti sono chiusi