Remaschi: “Casefici toscani non temono la Ue su latte in polvere”

FIRENZE - La recente presa di posizione della Ue verso l'Italia sull'uso di latte in polvere nella produzione non dovrebbe avere risvolti negativi per i caseifici toscani. Lo afferma l'assessore designato all'agricoltura Marco Remaschi, commentando la notizia riportata dagli organi di informazione. 

"Per l'industria casearia toscana - sottolinea Remaschi -, orientata a larga maggioranza alla lavorazione del latte ovino, dall'indicazione della Ue all'Italia sull'uso di latte in polvere nella fabbricazione di prodotti lattiero caseari, vietato nel nostro Paese, e dalla relativa diffida per ostacolo alla libera circolazione delle merci, non dovrebbero derivare conseguenze legate ad un eventuale provvedimento per  la modifica della norma come richiesto dalla Commissione, dato che quando si parla di latte in polvere ci si riferisce sostanzialmente al latte bovino".

"Inoltre - aggiunge Remaschi - molta della produzione di latte ovino toscano fresco (circa 35mila tonnellate su un totale di 50mila) è destinata alla produzione di Pecorino Toscano DOP (formaggio con marchio di origine protetta insieme al Pecorino delle Balze Volterrane), un comparto che occupa circa 3mila addetti per un fatturato annuo che si aggira intorno ai 25 milioni di euro, regolato dai  rigidi disciplinari redatti dai consorzi di tutela in collaborazione con la Regione, con successiva approvazione da parte del Mipaaf e della Commissione Europea. Per questo nessuna azione volta alla liberalizzazione del latte in polvere potrà incidere minimamente sui prodotti a marchio".

"Diverso l'impatto che questa apertura potrebbe avere sui prodotti non tutelati da marchi di origine (Dop e Igp), ma che in Italia ed in Toscana in particolare hanno comunque elevate caratteristiche di qualità: si tratta di prodotti ottenuti con latte bovino o misti (latte bovino e ovino) nei quali in futuro potrebbe essere utilizzato il latte in polvere", conclude Remaschi. "Sarebbe un precedente comunque rischioso in quanto notevole passo indietro rispetto al perseguimento di obiettivi fondamentali quali la tutela della qualità dei prodotti e la difesa dei consumatori".

I commenti sono chiusi