Resta aperto nonostante un provvedimento di chiusura: sigilli per un’attività di somministrazione

Resta aperto nonostante un provvedimento di chiusura: sigilli per un’attività di somministrazione

d74063 12 Gennaio 2019

Controlli della Polizia municipale per verificare il rispetto delle regole

Lo avevano sanzionato nei mesi scorsi perché non aveva la canna fumaria in regola e la direzione sviluppo economico gli aveva imposto di sospendere l’attività per mettersi in regola. L'altra sera la Polizia amministrativa della Municipale lo ha trovato ancora aperto. Sigilli per un’attività in zona San Niccolò.

I fatti risalgono a qualche mese fa, quando una pattuglia della Polizia Amministrativa ha eseguito alcuni controlli su un’attività di somministrazione in zona San Niccolò e ha accertato che non aveva la canna fumaria in regola perché non rispettava i requisiti necessari. L’attività è stata quindi sanzionata con un verbale da 1000 euro. Trasmesso alla Direzione Urbanistica del Comune, è stato accertato che effettivamente la canna non era a norma. A quel punto la Direzione ha inviato la pratica alla Direzione Sviluppo Economico che ha emesso un provvedimento di sospensione dell’attività finché l’esercizio non avesse risistemato la canna fumaria a norma. Ieri sera la Polizia Amministrativa durante un controllo ha appurato che non solo non erano state apportate le modifiche richieste, ma che l’attività era pure aperta ed era nel pieno del suo esercizio. Per la violazione del provvedimento sono quindi scattati i sigilli per l'attività che resterà chiusa fino a quando non eseguirà i lavori necessari e metterà  a norma la canna fumaria. (sp)

I commenti sono chiusi