Riders contro il contratto nazionale, presidio in Piazza del Duomo

Riders contro il contratto nazionale, presidio in Piazza del Duomo

Stamani si è tenuto stamani un presidio dei ciclofattorini organizzato da Nidil Cgil contro l’accordo Ugl-AssoDelivery.

“Oggi diamo avvio alle nostre mobilitazioni contro questo contratto firmato da Ugl che per noi è illegittimo perché fimato da solo un sindacato” spiega Ilaria Lani, segretaria generale Nidil Cgil Firenze, “si tratta di un contratto che peggiora le condizioni del lavoro come i compensi, lasciando inalterata la situazione di sfruttamento che c’è in questo settore”

Alcune piattaforme stanno già intimando i lavoratori e le lavoratrici di accettare le condizioni del nuovo contratto pena l’interruzione del rapporto di lavoro.

“Questo contratto ci porta ad avere un paga ancora più bassa di quella che già abbiamo adesso e non porta nessun miglioramento ai nostri diritti”, commenta Bruna Oss, rider da cinque anni che lavora per Just Eat.

Al presidio in piazza Duomo è arrivato il presidente della Regione Eugenio Giani che si è interessato alla vertenza, si è impegnato a incontrare quando possibile i rider e il sindacato.

La protesta promossa da Nidil Cgil continuerà anche nei prossimi giorni, per impedire l’entrata in vigore del contratto nazionale e si valutano anche dei ricorsi in tribunale contro l’accordo.

Ilaria Lani, segretaria generale Nidil Cgil Firenze e Bruna Oss, rider intervistate da Monica Pelliccia, durante il presidio.

L'articolo Riders contro il contratto nazionale, presidio in Piazza del Duomo proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi