Rifiuti, la Toscana in soccorso a Calabria e Liguria

FIRENZE - Rifiuti, la Regione Toscana viene in soccorso a Calabria e Liguria, regioni attualmente in sofferenza. Lo ha stabilito nei giorni scorsi la Giunta regionale, facendo seguito a specifiche richieste di aiuto da parte di tali Regioni. Una prassi già adottata in passato, secondo quanto previsto dalla normativa nazionale e regionale, attraverso la stipula di accordi  per il conferimento di rifiuti urbani in caso di situazioni di crisi di altre regioni. Ciò è già avvenuto sia per la Campania che per la Liguria.

Ovviamente la sigla dell'accordo - che nel caso della Liguria è pertanto un rinnovo, mentre con la Calabria è la prima volta - arriva dopo attenta verifica con province e Ato di riferimento delle disponibilità effettive di accoglimento e prevedendo monitoraggi e controlli da parte degli enti competenti. Il conferimento dei rifiuti urbani  dovrà avvenire nel pieno rispetto della normativa nazionale, regionale e delle condizioni autorizzative previste per i singoli impianti.

Il trasferimento dei rifiuti calabresi agli impianti della Regione Toscana avverrà fino al 30 settembre 2015, per coprire la situazione di crisi del periodo estivo. Le quantità di rifiuti da conferire nei singoli impianti, sulla base di quanto precisato nell'accordo, saranno definite in accordi specifici tra i gestori degli impianti e la Regione Calabria, previo parere delle Ato interessate. Sui rifiuti conferiti saranno effettuati controlli anche da parte delle Province avvalendosi dell'Arpat.

L'accordo con la Liguria ha invece la durata di un anno per un quantitativo pari a 25.000 tonnellate solo di rifiuti indifferenziati - provenienti dai Comuni della Provincia di La Spezia e città metropolitana di Genova. Il conferimento avverrà esclusivamente verso l'impianto di selezione e compostaggio del Cermec nel Comune di Massa, previa attenta programmazione con controlli affidati agli enti competenti nonché ad Arpat e Arpal.

Le spese di conferimento sono a carico della Regione Calabria e della Regione Liguria.

 

I commenti sono chiusi