Ripascimento, un accordo Regione – Comune riporterà “metri” all’arenile di San Vincenzo

FIRENZE – Difesa e il ripascimento dell'arenile di San Vincenzo, la giunta ha detto sì allo schema di accordo tra Regione e Comune che collaboreranno per il progetto di intervento di difesa costiera che conferirà alla spiaggia una forma capace di assorbire anche le mareggiate più intense.

La Regione, che sarà soggetto attuatore, oltre a verificare lo stato di attuazione dell'accordo, si impegnerà a trasferire al Comune 60mila euro, 30mila per il 2016 e 30mila per il 2017, destinati alle attività di indagine e progettazione.

Il Comune, in seguito a un accordo di ricerca con l'Università di Firenze, ha analizzato su quello stesso tratto di litorale alcune variazioni della linea di riva avvenute negli ultimi anni per effetto dell'ampliamento del porto e delle altre opere realizzate, evidenziandone criticità e problematiche. In coerenza con la programmazione regionale, e in base all'accordo il Comune che meglio può sintetizzare le varie esigenze sul territorio, si impegnerà dunque nella progettazione dell'intervento.

"Con questo accordo riusciamo a dare risposte a una criticità importante – ha commentato l'assessore regionale all'ambiente Federica Fratoni - per il territorio comunale di San Vincenzo e ci auguriamo che già l'anno prossimo con la conclusione della progettazione si possa dare avvio alla fase dei lavori".

Per aumentarne l'efficacia e la durata nel tempo, se necessario, l'intervento di ripascimento potrà essere associato alla realizzazione di opere dal basso impatto ambientale e alla riconfigurazione delle strutture esistenti. Visto che la successiva realizzazione delle opere potrà essere effettuata anche per lotti funzionali, dovranno essere predisposti livelli di progettazione definitiva ed esecutiva a partire da una progettazione di fattibilità tecnica ed economica che affronti il riequilibrio complessivo del litorale a sud di San Vincenzo.

La progettazione dell'intervento dovrà rispettare le seguenti tempistiche: - approvazione progetto di fattibilità tecnica ed economica entro dicembre 2016; - approvazione progetto esecutivo dell'intervento o del primo lotto entro marzo 2017.

I commenti sono chiusi