Rossi agli industriali lucchesi: “Chiudiamo insieme le questioni aperte”

LUCCA - °VI propongo di chiudere, lavorando insieme, le questioni aperte. Penso al problema del pulper perché sono contrario a mandare fuori Toscana questa materia prima seconda. Penso anche alla depurazione delle acque per la quale occorrerà andare ad un nuovo accordo di programma. C'è infine quella della rete ferroviaria, che concluderemo con il raddoppio, ma che vi chiedo di utilizzare di più per le vostre merci".
Sono questi i principali argomenti che il presidente Enrico Rossi ha affrontato nel corso dell'incontro che ha avuto con gli imprenditori del cartario presso la sede lucchese di Confindustria Toscana del Nord, ricevuto dalla vicepresidente Cristina Galeotti e dal direttore Marcello Gozzi.
Dopo aver ascoltato le richieste degli industriali, Rossi ha espresso apprezzamento per i risultati raggiunti dagli imprenditori cartari definiti "uno dei punti di forza della tenuta toscana durante la crisi" e ha aggiunto che "il capitalismo familiare lucchese e i risultati conseguiti rappresentano per noi un motivo di orgoglio".
Ha poi ricordato che con la riforma istituzionale alla Regione sono passate tutte le competenze in materia di smaltimento dei rifiuti, di ambiente, di formazione, aggiungendo che la Toscana, dopo aver ascoltato le varie posizioni, "deciderà e farà le scelte necessarie a risolvere i problemi, senza dimenticare che rispetto a tutte le decisioni da prendere, i sindaci hanno un ruolo decisivo".
Rossi ha detto che martedì nel corso della Giunta regionale relazionerá su quanto ha visto a Lucca, affidando agli assessori il compito di seguire direttamente le singole questioni. Poi, tra meno di un anno, compirà una nuova visita a Lucca per verificare lo stato di attuazione delle decisioni prese. La sua intenzione è quella di indire una conferenza economica in ognuna delle nuove zone distretto che la Regione individuerà come nuovi ambiti di riferimento per le sue politiche.
"Siete un comparto produttivo forte - ha concluso Rossi - il più importante al mondo per la carta e dobbiamo fare di tutto per risolvere i vostri problemi. Entro l'autunno conto di firmare l'accordo di programma sulla depurazione che comprenderà il potenziamento del depuratore di Casa del Lupo, così come vi faremo una proposta definitiva rispetto al problema dello smaltimento del pulper e mi auguro sia possibile stabilire impegni precisi per un maggior utilizzo del trasporto ferroviario".
Da parte sua il sindaco Alessandro Tambellini nel suo intervento ha sottolineato l'impegno massimo da parte del Comune a fornire risposte, per quanto di comptenza, al mondo produttivo locale.
"In particolare in tema di infrastrutture - ha detto Tambellini - siamo impegnati insieme agli altri livelli istituzionali ad arrivare in tempi utili alla cantierizzazione di interventi come il raddoppio della linea ferroviaria e l'asse viario nord sud. Si tratta di opere di vitale importanza per imprese e cittadini, attese ormai da troppo tempo e sulle quali dobbiamo procedere tutti all'unisono, consapevoli della responsabilità che abbiamo nei confronti dei nostri territori".

I commenti sono chiusi