Rossi al Comitato delle Regioni: “Più attenzione ai 6 milioni di disoccupati di lungo periodo”

BRUXELLES - "Oggi sono 12 milioni i cittadini europei disoccupati e sicuramente lo metà lo sono da più di un anno. Quindi la disoccupazione di lunga durata non può essere solo un problema nazionale, ma deve diventare un problema a cui l'intera Unione presti attenzione e per cui investa risorse".

 

E' il parere del presidente della Toscana, Enrico Rossi, che a Bruxelles, da relatore al Comitato europeo delle Regioni, è intervenuto in serata nella sessione plenaria in merito alla raccomandazione della Commissione dell'Unione Europea sull'inserimento dei disoccupati di lungo periodo nel mercato del lavoro.

 

Rossi ha proposto un meccanismo di solidarietà ed assicurazione europea che venga incontro ai Paesi che più hanno sofferto la crisi e contano più disoccupati di lungo periodo.

 

Un ruolo fondamentale viene attribuito ai servizi per l'impiego nel prendersi in carico il lavoratore disoccupato, in particolare quello di lungo periodo, per aiutarlo nel reinserimento nel mondo del lavoro.

 

"Occorre – ha precisato Enrico Rossi – individuare standard europei ai quali adeguare i servizi per l'impiego degli Stati membri e azioni per cogliere questo obiettivo. Ogni Paese dovrebbe operare con risorse proprie e con fondi europei distinguendo le esigenze più strutturali dai picchi di disoccupazione generati da crisi come l'attuale. C'è poi la necessità di favorire il reingresso nel mondo del lavoro e forme universalistiche di sostegno al reddito per chi accetta di svoilgere lavori di pubblica utilità".

 

Il presidente Rossi ha chiesto infine di prevedere che le misure proposte possano essere valutate all'interno della prossima revisione del quadro finanziario 2014-2020, perchè "in gioco ci sono questioni sociali importanti e il ruolo dell'Unione europea su questi temi".

I commenti sono chiusi