Rossi, aspettare un’altra settimana per riaperture è buonsenso

Rossi, aspettare un’altra settimana per riaperture è buonsenso

Firenze, il governatore della Toscana Enrico Rossi, non si trova d’accordo con l’apertura della circolazione tra tutte le regioni prevista per il 1° di giugno.

“Aspettare anche una settimana, e arrivare anche in Lombardia a un numero di contagi molto ridotto, darebbe sicurezza a tutta l’Italia e forse si potrebbe riaprire con maggiore tranquillità – ha detto il presidente toscano Rossi – sarebbe un ragionamento di semplice buon senso” dal momento che i dati sui contagi “non sono ancora assestati” e la Lombardia mantiene ancora un “impatto pesante”.

Per Rossi anche tra i cittadini “c’è un sentimento diffuso di preoccupazione. Rischiamo un po’ – ha aggiunto – di lanciare un messaggio altalenante, in base alle emozioni”. Quello “attuale è che tutto è finito: non è cosi, i fenomeni non sono assestati, anche in Toscana: l’altro giorno c’erano due casi di contagio, ieri 12”. Laddove ce ne sono centinaia “rimango un po’ sbalordito a vedere questa forte spinta a riprendere a far tutto come prima, sarei più cauto. Non voglio fare lo sceriffo – ha concluso – non sono per la guerra tra Regioni ma il mio invito al Governo è di considerare anche questi aspetti”.

Riguardo alla possibilità delle persone di muoversi in Italia e a come tutelare i cittadini delle singole regioni, non è possibile parlare di “certificato di immunità, che non esiste ovviamente, e non è possibile neppure pensare a protocolli particolari, a passaporti sanitari tra regione e regione, queste mi sembrano francamente delle sciocchezze. Se poi qualche mio collega riesce a dimostrare che è possibile proverò a imitarlo ma non credo. Se c’è libertà di movimento in tutto il Paese, e noi ovviamente ci auguriamo possa avvenire presto, nella massima sicurezza – ha aggiunto – la gente è ovvio che circolerà liberamente”.

L'articolo Rossi, aspettare un’altra settimana per riaperture è buonsenso proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi