Rossi: “Bene Job Act per molti aspetti, occorre far funzionare meglio centri per impiego”

AREZZO - "La Toscana è terra di emozioni, di una bellezza straordinaria che va mantenuta. Guai a noi se lasciassimo andare questo grande patrimonio che i nostri avi ci hanno lasciato. Perderemmo il nostro marchio." Così il presidente della Regione, Enrico Rossi, ha concluso oggi ad Arezzo il convegno su "turismo ed emozioni" che si è tenuto nell'ambito della seconda edizione della Borsa Mercato del Lavoro, dove 22 aziende mettono a disposizione dei tanti giovani presenti circa 300 posti di lavoro.

"Apprezzo molto quello che avete fatto – ha continuato Rossi – rivolto agli organizzatori dell'iniziativa e agli imprenditori presenti, perché il grande tema di oggi è quello del lavoro per i giovani. Tra le cose che mancano oggi c'è proprio la capacità di creare un rapporto fra la domanda e l'offerta di lavoro, e non è una cosa banale. Del Job Act – ha sottolineato Rossi – dico che va bene per tanti aspetti, ma bisogna far funzionare meglio i centri per l'impiego. E' il fattore umano che modifica la qualità dell'impresa".

 

Sempre riferito al turismo Rossi ha ribadito: "In tema di turismo la Toscana è un elemento fortissimo. Dobbiamo però riflettere su alcuni temi. Ad esempio, oggi vengono in Toscana tanti cinesi e tanti indiani: come ci poniamo, come ci qualifichiamo, nei loro confronti? Non ho risposte – ha concluso Rossi – se non che dobbiamo valorizzare chi siamo e i nostri prodotti."

I commenti sono chiusi