Rossi incontra i vertici di Nautica italiana: “Toscana pronta a ospitare le eccellenze nazionali e mondiali”

FIRENZE - Portare l'eccellenza italiana e mondiale dell'industria nautica e dei suoi servizi in Toscana, con una manifestazione in grado di mettere in rete più eventi tra loro sinergici ed integrati.
Il progetto, che all'inizio del mese di maggio del prossimo anno vedrà protagoniste la Versilia e  Marina di Carrara, ma che coinvolgerà anche, con tutte le sue ricchezze artistiche e paesaggistiche, l'intero territorio toscano, è stato presentato oggi al presidente della Regione, Enrico Rossi, dal presidente di Nautica Italiana, Lamberto Tacoli, e da Paolo Vitelli, presidente del gruppo Azimut Benetti.

"Sosterremo con convinzione questo progetto – commenta il presidente Rossi -. Non solo perché si sposa con la forza e il prestigio del settore nautico in Toscana,  ma anche per la novità che esso rappresenta grazie all'idea di valorizzare e ottimizzare realtà già esistenti, puntando sull'integrazione con il territorio e sulla valorizzazioni di saperi e competenze diffuse".

L'obiettivo è infatti quello di legare gli attuali Yare (a Viareggio), Seatec (a Marina di Carrara) e World Superyacht Awards (Firenze), con uno "Show del Mare", un'esposizione galleggiante dei principali produttori italiani e stranieri e delle aziende ad essi connesse. Una rassegna a 360 °, che parlerà a tutti i protagonisti del mondo della nautica (clienti finali, professionisti, comandanti, broker). E che unirà il meglio della produzione internazionale all'unicità della costa e dell'entroterra toscano.

"Accogliamo questa sfida per vincerla – ha detto ancora Rossi -. Sono convinto che potrà costituire uno stimolo positivo per il nostro territorio e per il nostro Paese".

Nautica Italiana è un'associazione affiliata ad Altagamma e riunisce l'eccellenza della produzione cantieristica italiana. Conta ad oggi 67 soci nelle le tre principali aree del comparto: industria, servizi e territori, rappresentando l'80 per cento della produzione di barche e il 95 per cento del valore di esportazione delle imbarcazioni prodotte in Italia.

 

I commenti sono chiusi