Rossi sulle morti di Piombino: “Fatto drammatico senza precedenti, chiediamo scusa alle famiglie”

FIRENZE - "Quanto è successo all'ospedale di Piombino è un fatto drammatico senza precedenti, oltre che esprimere vicinanza alle famiglie, dobbiamo avere la forza di chiedere scusa. Le famiglie sono state colpite due volte, perché si erano rivolte a una struttura che avrebbe dovuto prendere in carico e lenire le sofferenze dei loro cari. Non ci sono parole per esprimere questa nostra vicinanza". E' quanto ha detto oggi pomeriggio in Consiglio il presidente Enrico Rossi, intervenendo in aula dopo la comunicazione dell'assessore Stefania Saccardi sui fatti di Piombino.

"Non solo un ospedale e una città - ha proseguito - ma accanto ai familiari delle vittime c'è un intero sistema sanitario, oltre 50.000 persone che avvertono che questo fatto è un colpo ferale che viene portato a tutto il sistema. E' necessario riacquisire credibilità e prestigio per un sistema che, non lo dimentichiamo, è tra i migliori in Italia. I dati rimangono sempre i migliori, nonostante questo dobbiamo riflettere che non siamo un sistema perfetto, perché fatto da uomini. Ogni volta che accadono questi episodi, la procedura deve essere revisionata e migliorata".

"Il più forte argine a questi episodi - ha concluso Rossi - è un sistema sanitario animato da grandi valori. I nostri operatori aspettano dalla politica un segnale di incoraggiamento. Tra qualche mese vorremmo poter dire: è accaduto, non doveva accadere ma abbiamo alzato la soglia di sicurezza".

I commenti sono chiusi