Saccardi in Consiglio: “Faremo quanto in nostro potere perché i fatti di Piombino siano chiariti”

FIRENZE - "Faremo tutto quanto in nostro potere perché i fatti siano chiariti. Massima solidarietà e massima attenzione ai familiari, anche a loro diamo tutta la nostra disponibilità per chiarire. La commissione che abbiamo costituito è già al lavoro da stamani. E' composta esclusivamente da tecnici, i migliori specialisti dei vari settori, scelti in totale autonomia dal responsabile del Centro gestione rischio clinico Riccardo Tartaglia. La commissione lavorerà in stretto contatto con la direzione generale dell'assessorato, e il personale dell'azienda sanitaria garantirà il supporto per l'acquisizione dei dati. Dovrà chiarire anche se ci sia stata sottovalutazione e trascuratezza, e se le procedure siano sufficienti a garantire il massimo dei controlli. Se accerteremo che qualcuno ha sbagliato, valuteremo le misure da prendere". E' quanto ha detto oggi pomeriggio in Consiglio l'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi, nella comunicazione che ha tenuto in aula sui fatti di Piombino.

"Quanto è avvenuto a Piombino - ha detto ancora - è un fatto orribile, insopportabile per il nostro sistema sanitario, che rischia di mettere in cattiva luce un sistema che esprime grande professionalità, fatto da persone che fanno il possibile per curare e dare la vita, e non la morte. E lo fanno con gentilezza, cura, umanità, rispetto. E' una macchia indelebile sulla sanità toscana, perché genera dubbio e preoccupazione nelle persone. Quanto è successo - ha sottolineato Stefania Saccardi - deve invitarci a essere più attenti a controlli, meccanismi, procedure".

"Ci poniamo davanti a questo drammatico evento con tutta l'umiltà necessaria quando ci si avvicina ai temi della salute e l'attenzione che è dovuta alle persone che soffrono- ha concluso - Quanto è avvenuto non deve oscurare la fatica di tanti operatori, l'eccellenza che questa sanità esprime. Non vogliamo certo minimizzare i fatti di Piombino, applicheremo la massima severità e trasparenza. Ma voglio ricordare che la sanità toscana è questo, ma anche tanto altro".

I commenti sono chiusi