Saccardi sulla catena di 5 trapianti a Siena: “Generosità, professionalità, efficienza, dedizione”

FIRENZE - "L'eccezionale catena di ben cinque trapianti d'organo in una notte, avvenuti al policlinico Santa Maria alle Scotte, a Siena, è una bellissima notizia, che ci riempie di soddisfazione e di orgoglio, e ci conferma che la sanità toscana è fatta da persone di grande professionalità, dedizione, efficienza. E che i toscani sono un popolo molto generoso". L'assessore al diritto alla salute Stefania Saccardi commenta così la notizia dei cinque trapianti avvenuti nella notte alle Scotte di Siena, grazie a una donazione multiorgano e al grande impegno di tutto il personale, che ha lavorato in contemporanea in quattro sale operatorie.

Gli organi prelevati a una giovane donna hanno ridato speranza di vita a sei persone. Il cuore è stato impiantato su una donna di Lucca affetta da malattia cardiaca terminale; entrambi i polmoni sono stati trapiantati su una giovane donna fiorentina malata di fibrosi cistica in cura all'ospedale Meyer di Firenze. Entrambe le pazienti stanno reagendo bene e sono ricoverate in Terapia Intensiva Cardiotoracica. I due reni sono stati trapiantati su due uomini, delle province di Siena e Napoli. E' stato inoltre effettuato un particolare intervento "di split" sul fegato cioè, grazie alla presenza di tre professionisti chirurghi provenienti da Siena, Pisa e dal Bambin Gesù di Roma, il fegato è stato diviso in due parti per essere trapiantato su un adulto a Siena e su un bambino a Roma, un intervento di massima specializzazione. Inoltre sono state donate le ossa, inviate a Bologna, le cornee per la Banca delle Cornee di Lucca e la pelle per la Banca dei tessuti di Siena.

"Voglio prima di tutto ringraziare il marito della signora - ha detto Stefania Saccardi -, che, con un grande gesto d'amore, ha dato l'assenso all'espianto degli organi, trasformando così la morte della moglie in un'occasione di vita per altre persone. E poi tutte le équipe che hanno lavorato tutta la notte per rendere possibili questi interventi. E' di poche settimane fa - ha ricordato l'assessore - la notizia che anche nel 2015 in Toscana l'attività di donazione e trapianto è cresciuta, con dati ben più alti della media nazionale. In Toscana i numeri di donazioni e trapianti crescono di anno. Ma dietro ai numeri c'è la generosità dei donatori, un'organizzazione sanitaria che funziona, la grande professionalità degli operatori, l'impegno dei volontari. A tutti, ancora una volta, il mio grazie".

 

I commenti sono chiusi