Sant’Orsola, la consigliera Albanese: “Prosegue netto l’impegno sul recupero dell’ex convento per restituirlo ai fiorentini”

Sant'Orsola, la consigliera Albanese: "Prosegue netto l'impegno sul recupero dell'ex convento per restituirlo ai fiorentini"

d74063 15 Settembre 2018

La consigliera Pd replica ai due consiglieri, metropolitano e comunale, Carpini e Grassi: "Stiamo sui fatti, i toni beceri non ci appartengono"

Il Consiglio della Città Metropolitana, su proposta di Benedetta Albanese, consigliera delegata al Patrimonio, ha approvato una delibera per una nuovo bando finalizzato alla valorizzazione del complesso immobiliare dell'ex convento di Sant'Orsola, a Firenze. Il 30 novembre 2018 è il termine ultimo stabilito per la presentazione delle proposte. Sulle scelte della Città Metropolitana, Albanese, consigliera della Metrocittà e consigliera del gruppo Pd a Palazzo Vecchio, replica a due consiglieri di opposizione del Comune di Firenze e della Città Metropolitana: "Mi dispiace per loro - spiega - e rimando ai mittenti le accuse sui buoni propositi. Mi sorprendono toni e contenuti. Non entro nemmeno nel merito delle insinuazioni su un grande artista: politicamente uno sceglie come elettore di votare chi gli pare e di fare quello che vuole. A noi interessano i progetti. Mi pare offensivo generalizzare e passare dal piano penale a quello politico con tanta disinvoltura. Questi toni beceri non ci appartengono, stiamo sui fatti". I lavori per la copertura e le facciate dell'ex convento di Sant'Orsola "partiranno entro l'anno: noi non lasciamo Sant'Orsola in abbandono, indipendentemente dagli esiti delle procedure. L'impegno diretto dell'Amministrazione, anche sotto questo profilo, lo dobbiamo ai cittadini e non, come si insinua, al prossimo privato". 

La Città Metropolitana "ha nel suo patrimonio Sant'Orsola da pochi anni e da quando ci siamo insediati abbiamo lavorato tenacemente per dare futuro all'immobile, ma non abbiamo ancora la bacchetta magica: seguiamo le procedure, cerchiamo le strade possibili – comprese quella dell'intervento diretto con finanze pubbliche - per togliere dalla polvere un edificio che è stato lasciato in quelle condizioni per tantissimi anni e non certo per nostra scelta". Ora il Consiglio della Città Metropolitana "ha dato mandato alla Direzione Patrimonio di predisporre un nuovo avviso per l’individuazione di un operatore economico, singolo o in raggruppamento con altri, con cui avviare una trattativa privata finalizzata all’affidamento in concessione della valorizzazione di Sant’Orsola, stabilendo il termine del 30 novembre 2018 per la presentazione delle proposte. Ci siamo riservati, operando nell’ambito di una trattativa privata, la facoltà di richiedere variazioni progettuali, come anche integrazioni alla proposta selezionata. L’operatore che avrà presentato la migliore proposta dovrà presentare il Piano economico finanziario a supporto della stessa, nonché dimostrare l'effettiva e immediata disponibilità di almeno un terzo dell’importo indicato nella proposta come necessario per la realizzazione dell’intervento". 

La Città Metropolitana, inoltre, "non ha mancato di informare la cittadinanza e di incontrarla. Confronto civile e dialogo non sono mai mancati e non mancheranno. Non ci servono lezioncine". 

I commenti sono chiusi