Scuola cani guida, successo dell’Open Day. Saccardi: “Grazie a chi aiuta persone con disabilità”

FIRENZE - Grande successo dell'iniziativa Porte aperte, oggi, sabato 22 ottobre, alla Scuola Cani Guida di Scandicci. La scuola, che ha la propria sede in via dei Ciliegi 26 - nella villa donata all'Unione italiana ciechi da Mario Augusto Martini, sindaco di Casellina e Torri dal 1912 al 1919 - dal 1979 è gestita dalla Regione Toscana. Il suo compito istituzionale è quello di fornire cani addestrati alla guida di persone non vedenti. Compito a cui se ne sono aggiunti altri, quello dei servizi di Pet therapy con interventi assistiti da animali di tipo terapeutico, educativo, ricreativo, e quello della formazione di cani d'ausilio per disabili motori per aiutarli nelle attività quotidiane.

L'altra protagonista dell'Open day, con una esposizione di mappe e libri tattili, è stata la Stamperia Braille, la  cui sede è a Firenze in via Nicolodi 2, anch'essa trasferita dal 1979 alla Regione. Stamperia che consegna i testi scolastici in Braille a tutti gli alunni della Toscana per il proprio percorso di studi, e che produce mappe tattili, brochure e didascalie in braille di tutti i musei della Toscana per renderli accessibili ai non vedenti.

"La Scuola Nazionale Cani guida per non vedenti e la Stamperia Braille sono dei punti di riferimento a livello nazionale, di cui la Regione è orgogliosa - ha affermato l'assessore a salute, sociale e sport Stefania Saccardi intervenendo nel primo pomeriggio a Scandicci - La loro offerta di servizi è a vantaggio della collettività tutta con il contributo che danno all'autonomia e indipendenza di non vedenti, ipovedenti e disabili, garantendone i diritti, tutelando la loro condizione e inserimento sociale e migliorandone la qualità della vita. E pensiamo anche agli effetti benefici comprovati degli interventi di pet therapy per bambini, anziani, malati, disabili".

Le attività della Scuola cani sono state al centro del programma per i visitatori nel pomeriggio, per dare un'idea concreta dell'allevamento e dell'addestramento "gentile" dei cani di razza Labrador e Golden Retriever in modo da farne degli affidabili cani guida in grado di svolgere "il loro lavoro". Tappa fondamentale di questo percorso è  l'affidamento di cuccioli a famiglie volontarie per il programma di educazione e socializzazione nel primo anno di vita. La scuola della Regione svolge inoltre corsi di orientamento e mobilità per acquisire  le tecniche necessarie al migliore utilizzo del cane guida, preparatori alla consegna dei cani addestrati ai non vedenti.

Per allargare il quadro sul mondo canino e il suo utilizzo per aiuto e soccorso, è intervenuta anche una squadra che lavora nell'ambito della ricerca e soccorso con i cani in caso di disastri, e un'altra della scuola Sics che si occupa del salvataggio in acqua, mentre i conduttori del progetto "A scuola con Pluto" hanno mostrato come educare gli allievi ad avere un rapporto equilibrato con gli animali.

All'Open Day sono intervenuti nel corso della giornata anche Antonio Quatraro (presidente del Consiglio regionale dell'Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti), Monia Monni in rappresentanza del Consiglio regionale della Toscana e vari rappresentanti dell'amministrazione comunale di Scandicci.

"Oggi – ha detto ancora Saccardi - è una bella giornata da condividere. Il mio grazie va a tutte le famiglie affidatarie che socializzano ed educano i nostri cuccioli nel loro primo anno di vita, il loro è un gesto di generosità enorme. E naturalmente grazie anche a chi lavora con passione in questa scuola e nella Stamperia Braille, e a tutti coloro che si adoperano per aiutare le persone con disabilità".

Dati e info
Cuccioli
Nel 2016 la Scuola cani guida della Regione Toscana ha aumentato la produzione di cuccioli, sia tramite le sue "fattrici" che attraverso canali esterni di approvvigionamento, in modo da abbattere i tempi di attesa per il cane guida. I cuccioli allevati nel 2016 sono al 22 ottobre 31, 5 sono in arrivo da allevatori esterni, oltre a un parto previsto per  la seconda metà di novembre.

Tutti i cuccioli sono stati affidati a famiglie residenti a Firenze e provincia. Sono famiglie che hanno una buona disponibilità di tempo per seguire il cucciolo e il programma di socializzazione, pronte a collaborare con gli istruttori della Scuola e a seguire le indicazioni sia sanitarie che educative fornite, nella consapevolezza della finalità sociale dell'affido del cane, che da grande diventerà un cane guida per un non vedente.

Cani guida consegnati
Anche quest'anno i cani guida consegnati a un non vedente sono stati 24, ma contiamo entro il prossimo anno di arrivare a 32.

Pet Therapy
Le attività di Pet Therapy sono proseguite nel 2016, allargando il ventaglio di strutture a cui viene prestato il servizio, un servizio pubblico e disponibile per RSA, centri diurni disabili, scuole che vogliono avvalersi delle potenzialità degli Interventi Assistiti da Animali. In particolare si è avviata la collaborazione con AOU Careggi, reparto di Terapia Intensiva per un importante progetto che vede per la prima volta entrare i cani in un reparto di rianimazione. A breve partirà un progetto con Reumatologia, sempre a Careggi.

Cani d'ausilio per disabili motori
L'attività di formazione di cani d'ausilio per la disabilità motoria si svolge spesso con i cani "di famiglia" se il disabile ne possiede già uno. Il cane in questione viene addestrato a essere di aiuto nel quotidiano del disabile: aprire e chiudere porte, riportare oggetti, accendere e spengere interruttori, avvicinare la carrozzina al disabile. Parte di questo training è rivolto anche al disabile stesso per insegnargli a farsi aiutare dal cane.

Visite alla Scuola cani e alla Stamperia Braille
Sia la Scuola di via dei Ciliegi a Scandicci che la Stamperia Braille di via Nicolodi sono visitabili su appuntamento da parte delle scuole, cui sarà offerto un programma costruito a misura delle varie classi. Gli elementi di base sono dei cenni sulla storia della scuola, l'incontro con i cani, una simulazione con benda sugli occhi e nozioni su addestramento e corretto approccio con i cani. Alla Stamperia è stato allestito un percorso didattico, con la possibilità di toccare libri, libretti illustrati e tavole tattili, con una esperienza "al buio"per sperimentare come si può arrivare alla conoscenza con il tatto, e con una mostra di vecchi macchinari utilizzati per produrre testi in Braille.

I commenti sono chiusi