Sgombero via Panciatichi, Amato (PaP): “Su 200 persone hanno trovato sistemazione provvisoria meno della metà, di cui 40 minori”

Sgombero via Panciatichi, Amato (PaP): “Su 200 persone hanno trovato sistemazione provvisoria meno della metà, di cui 40 minori”

d74672 29 Ottobre 2018

“Le altre persone sono abbandonate a loro stesse, non troppo fragili per essere prese in carico perché considerati solo poveri. Richiederò la sospensione del decreto Salvini sull'immigrazione”

“In aula l'assessora alla casa Funaro conferma che su 200 persone sgomberate in via Panciatichi, la scorsa settimana, sono state prese in carico meno della metà, di cui 40 minori con i genitori, 5 adulti con problematiche sanitarie e 10 persone fragili: mi viene da chiedere il criterio di questa fragilità, visto che si tratta di più di un centinaio di persone povere e abbandonate a se stesse. Così l'assessora conferma – prosegue la consigliera di Potere al Popolo Miriam Amato – l’intenzione di non applicare la circolare Salvini, dove, fra tutti gli spropositi, c'è un passaggio decente, cioè quello che prevede di trovare una sistemazione, seppur temporanea, agli occupanti, esattamente come previsto dall'ex ministro Minniti. L’amministrazione crede di fare da baluardo alla legalità e alla sicurezza, lasciando le persone per strada senza speranza, alla mercé di potenziali malviventi, che potrebbero approfittarne per trovare manovalanza di fronte alla disperazione, tanto a criminalizzare si fa sempre in tempo.
Per quanto riguarda i costi, l'assessore se ne è guardata bene di rispondere nel merito – ha continuato la consigliera – visto che questa soluzione emergenziale è l’ennesima dimostrazione di come ancora una volta si buttano i soldi senza risolvere il problema abitativo in modo definitivo e strutturato. Per il Piano Casa non è dato sapere come saranno finanziati i 344 milioni mancanti dal piano stesso, che ne prevede 400 milioni, di cui abbiamo visto paginate giornalistiche.
I minori, che vivevano nell’occupazione in via Panciatichi, per le informazioni in mio possesso, frequentavano le scuole e l’assessore ancora non ne ha certezza, nonostante per saperlo basterebbe una banale domanda alle famiglia. Di conseguenza, adesso, la loro continuità didattica è fortemente compromessa. L’integrazione, e tutti gli sforzi fatti finora, vengono vanificati.
Visto che l’assessore non ha intenzione di applicare la circolare Salvini, mi auguro – conclude la consigliera Amato – che l'atto che sto per depositare agli uffici, per sospendere il decreto immigrazione Salvini, trovi un parere favorevole da parte del Consiglio Comunale”. (s.spa.)

I commenti sono chiusi