Siena: lavori utili fuori dal carcere per i detenuti

Siena: lavori utili fuori dal carcere per i detenuti

Pronto l’accordo tra il Comune di Siena e il ministero di Giustizia per permettere a detenuti con specifiche caratteristiche di svolgere lavori di pubblica utilità

I detenuti della casa circondariale di Siena potranno svolgere attività lavorative fuori dal carcere per la protezione ambientale e il recupero del decoro di aree verdi e spazi pubblici, ma anche per alcune attività relative alla raccolta dei rifiuti e per la protezione civile compreso il piano neve.

Lo prevede la bozza di convenzione tra il Comune di Siena e il ministero di Giustizia approvata dalla giunta comunale su proposta del sindaco Luigi De Mossi. Il programma, in fase sperimentale, prevede che i soggetti in stato di detenzione con specifiche caratteristiche possano scegliere anche lavori di pubblica utilità.

Alla base dell’accordo, il fatto che “il Comune di Siena intende svolgere un ruolo attivo e di supporto per l’attuazione delle politiche volte al reinserimento dei detenuti”, per offrire “opportunità lavorative, gratuite, per lo svolgimento di lavori di pubblica utilità per i quali sussistano le condizioni per l’ammissione al lavoro all’esterno, alla semilibertà, ai permessi o licenze”, spiega la delibera.

L’accordo che verrà formalizzato dal Comune di Siena, dal ministero con il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria (Dap) e con il Tribunale di Sorveglianza competente per territorio, avrà una durata triennale.

L'articolo Siena: lavori utili fuori dal carcere per i detenuti proviene da www.controradio.it.

I commenti sono chiusi