“Sport e scuola compagni di banco”, 80.000 i bambini coinvolti

FIRENZE -  Un bilancio positivo, quello del primo anno del progetto "Sport e scuola compagni di banco" che si è concluso oggi a Tirrenia (Pisa) con una festa al centro Coni con sfilata iniziale delle delegazioni di circa 500 allievi delle elementari (prime, seconde e terze classi) arrivati dalle varie province e poi giochi di velocità, precisione e equilibrio intorno a 10 postazioni. Con loro gli insegnanti e gli esperti di educazione fisica, che hanno messo in atto il progetto con un'ora settimanale di ginnastica da novembre 2015 a maggio 2016.

A Tirrenia è intervenuta anche l'assessore Stefania Saccardi che ha consegnato alcuni premi e si è lasciata coinvolgere in alcuni giochi dei ragazzini. "Sport e scuola compagni di banco la riteniamo un'esperienza davvero positiva – ha detto poi ai rappresentanti del Coni, dell'Ufficio scolastico regionale e delle università di Firenze e Pisa riuniti per valutare e analizzare insieme l'esperienza di quest'anno - Siamo molto soddisfatti di come il progetto si è svolto, e degli obiettivi che ha raggiunto, favorendo da un lato la pratica dell'attività fisica nelle primarie e dall'altro l'inserimento lavorativo di giovani laureati o diplomati in scienze motorie. Da parte nostra garantiamo tutto l'impegno per reperire le risorse necessarie e fare tutto il possibile per la sua prosecuzione l'anno prossimo".

I numeri del progetto da novembre 2015 e maggio 2016

Il progetto, nato dalla collaborazione tra Regione Toscana, Università degli Studi di Firenze e Pisa, Coni Regionale Toscano, Ufficio Scolastico Regionale e Comitato Paralimpico, e inserito all'interno della strategia regionale "Toscana da Ragazzi", ha coinvolto quest'anno più di 80.000 allievi delle primarie. Hanno aderito infatti quasi tutte le scuole del territorio regionale (più del 90% a livello regionale e in alcune province come Arezzo, Lucca, Pistoia e Prato si è raggiunto il 100%). Il totale delle classi coinvolte è 3.243, di cui 1.338 prime, 1.326 seconde e 579 terze (a cui è stato esteso il servizio nel caso di scuole piccole). Gli esperti di educazione fisica inseriti sono stati in tutto 301.

I commenti sono chiusi