“Sport e scuola compagni di banco”, si chiude in festa al centro Coni di Tirrenia

FIRENZE -  Una giornata di festa per chiudere il primo anno di vita del progetto "Sport e scuola compagni banco", nato per promuovere l'educazione fisica nella scuola primaria. L'appuntamento, a cui parteciperanno circa 500 bambini (50 per ogni provincia) delle scuole che hanno aderito al progetto, accompagnati dagli insegnanti e dagli esperti di educazione fisica che hanno operato nelle scuole, è venerdì 27 dalla 10 in poi a Tirrenia (Pisa) presso il centro di preparazione olimpica del CONI.

Intervengono, insieme all'assessore regionale a sport, Diritto alla salute e sociale Stefania Saccardi e a Salvatore Sanzo presidente del Coni regionale, Paola Garvin dirigente regionale, Laura Scoppetta, dirigente ufficio scolastico regionale, Luigi Sebastiani, dirigente ufficio scolastico territoriale di Pisa, Massimo Gulisano (scienze motorie UNIFI) e Gino Santoro (scienze motorie UNIPI).

Nel corso della mattinata, dopo il saluto ai bambini, si svolgeranno intorno a 10 postazioni dei giochi proposti dagli esperti e da istruttori del CONI, mentre alle 10.45 i referenti dell'Ufficio scolastico regionale con gli insegnanti e i dirigenti scolastici, un rappresentante del CONI e l'assessore Saccardi si incontreranno per valutare e condividere l'esperienza in vista del proseguimento nell'anno scolastico 2016-17.

Il progetto "Sport e Scuola compagni di banco" ha avuto origine da un protocollo d'intesa fra Regione Toscana, Università degli Studi di Firenze e Pisa, Coni Regionale Toscano, Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana.

Nell'occasione verrà distribuito anche un fumetto che spiega ai bambini le origini delle Olimpiadi e Paralimpiadi e illustra i primi successi toscani sia maschili che femminili, oltre ad altre curiosità. L'idea è nata dalla collaborazione fra Regione Toscana, Coni regionale, Comitato paralimpico toscano, Ufficio regionale per lo sport e Gruppo toscano giornalisti sportivi (Ussi Toscana). Verrà inoltre consegnato a tutti i partecipanti un adesivo che riproduce un personaggio dei fumetti al quale i bambini saranno invitati a dare un nome. Il progetto grafico è stato curato da Eugenio Rigacci e i disegni originali sono del pittore-fumettista Enrico Guerrini.

I commenti sono chiusi