Stabilita in Regione la road map per terminare la 429

FIRENZE – Rapida convocazione del collaudatore per avere certezza sui tempi necessari per ultimare i collaudi. Non appena questi saranno conclusi, la stesura di un cronoprogramma da parte del commissario, Alessandro Annunziati. Una volta definito il calendario dei tempi necessari per fare le gare e poi per ultimare i lavori, sarà stabilita la data dell'incontro con la cittadinanza al quale parteciperanno anche il presidente della Regione, Enrico Rossi, e l'assessore regionale ai trasporti, Vincenzo Ceccarelli. Nel frattempo sarà rafforzato l'ufficio gare a supporto del commissario attraverso l'individuazione di personale idoneo dipendente delle ex Province, che la Regione si impegna a mantenere in quel ruolo anche quando, a fine anno, passerà alle sue dipendenze.

 

E' questa la road map, la carta stradale o meglio la tabella di marcia, che dovrebbe condurre a terminare entro il 2017 i lavori dei tormentati 17 chilometri della 429 nel tratto tra Empoli e Castelfiorentino.

 

E' il percorso proposto dal presidente Rossi a conclusione dell'incontro che si è svolto a Firenze presso i suoi uffici, presenti l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli, amministratori locali, parlamentari e rappresentanti del Comitato per la 429.

 

"Prendo anche l'impegno – ha aggiunto il presidente Rossi – a far si che i circa 4 milioni di euro necessari a completare la strada, quando serviranno, siano disponibili. Li metterà la Regione. Mi pare che questo possa dare ai cittadini sufficienti garanzie circa il completamento dell'opera. E faremo di tutto per accelerare i tempi".

 

L'assessore regionale ai trasporti, Vincenzo Ceccarelli, ha confermato il cronoprogramma: "Convocherò il collaudatore in assessorato per avere certezze sui tempi necessari ad ultimare i collaudi. Poi la palla passerà al commissario che sono contento abbia determinato un cambiamento di passo e stabilito un rapporto positivo con gli amministratori locali e con i cittadini, fornendo puntuali informazioni sulla situazione. L'aspetto finanziario non è quello più critico, anche se la Regione deve gestire le proprie difficoltà di bilancio".

I commenti sono chiusi