Start Cup Toscana, partono le nuove idee d’impresa che fanno il futuro

FIRENZE - La Start Cup Toscana premia le idee innovative, per aiutarle a diventare imprese che affronteranno il mercato con successo. Mercoledì 21 ottobre dalle ore 10 a Firenze, presso l'auditorium Santa Apollonia, via San Gallo 25 A, si terrà la fase finale del "gran premio" che assegna riconoscimenti alle migliori idee toscane ad elevato contenuto tecnologico, provenienti dal mondo universitario e della ricerca, scelte tra 10 finaliste. Alle tre idee che saliranno sul podio sarà offerta la possibilità di trasformare l'idea in una vera impresa, grazie ad attività formative, assistenza nella redazione del business plan e, soprattutto, con i premi in denaro, messi a disposizione dalla Regione Toscana, che agevoleranno la creazione e lo sviluppo dell'impresa.

La premiazione sarà preceduta dalla cerimonia che inizierà con i saluti di Marco Bellandi, prorettore al trasferimento tecnologico dell'Università di Firenze; con gli interventi di Monica Barni, vicepresidente della Regione Toscana; di Massimo Augello e di Pierdomenico Perata, rettori rispettivamente dell'Università di Pisa e della Scuola Superiore Sant'Anna; di Mariapia Maraghini dell'Università di Siena; con la presentazione delle dieci idee di impresa finaliste da parte di Paolo Ferragina, prorettore al trasferimento tecnologico dell'Università di Pisa; dalle testimonianze, raccolte da Andrea Piccaluga, delegato al trasferimento tecnologico della Scuola Superiore Sant'Anna, dei partecipanti all'iniziativa di formazione imprenditoriale Tuscan Start Up Academy, sostenuta dalla Regione Toscana. Alle ore 12.30 la proclamazione e la premiazione dei vincitori della Start Cup Toscana.

La Start Cup Toscana è organizzata dalla Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa, con le Università di Siena, Firenze, Pisa, Scuola Normale Superiore e con il supporto finanziario della Regione Toscana, in collaborazione con il Premio nazionale per l'innovazione, alla cui finale nazionale accederanno di diritto i vincitori.

I commenti sono chiusi