SVI si sposta in Toscana, con 15 milioni di investimenti e nuove assunzioni

FIRENZE - Oltre 15 milioni di investimento e un programma di sviluppo aziendale che ha portato 13 assunzioni nell'ultimo anno ed altre ne porterà, se verrà rispettata la volontà dell'azienda di passare a 120 dipendenti, dagli attuali 84, nei prossimi due anni.

Sono questi i numeri con i quali si presenta il nuovo stabilimento SVI a Lucignano, alla cui inaugurazione ha partecipato oggi l'assessore regionale ai trasporti Vincenzo Ceccarelli insieme al sindaco di Lucignano Roberta Casini.

SVI spa, impresa specializzata nella produzione di mezzi d'opera per la costruzione e la manutenzione dell'infrastruttura ferroviaria, ha scelto la Toscana per il proprio progetto si sviluppo aziendale anche grazie al ruolo di supporto e assistenza nel rapporto con la pubblica amministrazione svolto dallo sportello regionale 'Invest in Tuscany'.

"La Regione Toscana - ha spiegato l'assessore Ceccarelli - è felice e di aver collaborato a rendere più semplice l'insediamento sul territorio di una realtà produttiva italiana in sviluppo, pronta a crescere e a fare nuove assunzioni. Conosco perfettamente l'importanza del lavoro svolto da Svi, dato che la manutenzione e l'ammodernamento dell'infrastruttura ferroviaria sono fondamentali per un corretto funzionamento del sistema ferroviario. La Toscana crede profondamente si nelle produzioni di qualità, che in quello del trasporto ferroviario e per questo è per me una doppia soddisfazione essere qui oggi". 

'Invest in Tuscany' fa inoltre sapere che la zona di Lucignano, forte di una posizione logistica favorevole in quanto collegata via binario con la linea ferroviaria Arezzo-Sinalunga (LFI) e molto vicina all'autostrada A1 (Firenze-Roma), sarà presto centro anche di un altro importante investimento portato avanti con la collaborazione dello sportello regionale per l'attrazione degli investimenti.

I commenti sono chiusi