Una Finestra sul Nord

Quest’anno Una Finestra sul Nord,Rassegna di cinema finlandese, propone, a conclusione della 50 Giorni, cinema dedicato a tutta la famiglia. La rassegna porterà il meglio di un filone ormai ben affermato in Finlandia: il cinema rivolto ai bambini ma con interessanti chiavi di lettura anche per gli adulti.

finestra

Tra questi, nei due film della serie di Ella and Friends, conosceremo l’intraprendente protagonista e i suoi compagni di banco che nel primo film si trovano a lottare contro l’ingiusta chiusura della loro piccola e adorata scuola di quartiere, e nel secondo vivranno sogni e illusioni del music business affrontando grandi questioni esistenziali, così importanti per ragazzini di 8 anni, come l’(in) utilità delle tabelline per diventare rockstar. Come ogni anno verranno invitati registi ed attori a presentare al pubblico i propri film. Saranno due giorni ricchi di appuntamenti, tra cinema e musica, da passare insieme in una festosa atmosfera natalizia.

Florence Queer Festival

Con il Florence Queer Festival,il cinema a tematica gay e transgender,continua la 50 giorni di cinema dal 21 al 27 novembre.Il festival , diretto da Bruno Casini e Roberta Vannucci, è giunto ormai alla sua dodicesima edizione. Eytan Fox, regista dell’acclamato Yossi and Jagger, sarà ospite del festival con una retrospettiva dei suoi principali lavori e con il più recente Cupcakes.

queer

Oltre 30 titoli in programma, il concorso per il miglior film e due contest per corti, Videoqueer e Se hai testa fai il test. Come da tradizione non mancheranno gli eventi collaterali legati all’arte, al teatro e alla letteratura. Tra le novità il focus sui diritti umani, in collaborazione con il Robert F. Kennedy Center for Justice and Human Rights Europe, con film e documentari che indagano sul tema dell’uguaglianza e della dignità delle persone LGBT. Tra i titoli in anteprima Boy Meets Girl di Eric Schaeffer, commedia romantica con l’attore Michael Welch, e Global Gay di Frédéric Martel e Rémi Lainé, ovvero la rivoluzione globale attualmente in corso per ottenere la depenalizzazione universale dell’omosessualità. Da non perdere Pierrot Lunaire, ultima fatica del visionario e irriverente regista canadese Bruce LaBruce. Prosegue la collaborazione con lo IED Firenze che dal 20 Novembre al 1° Dicembre, ospiterà la mostra Only a dog can judge me, di Antoine Timmermans aka Cybersissy. In esposizione le eccentriche creazioni dell’artista, performer e drag queen olandese, in un singolare connubio tra moda, cultura pop e arte contemporanea.

Lo Schermo dell’Arte Film Festival

La 50 giorni di cinema internazionale prosegue dal 12 al 16 novembre con Lo Schermo dell’Arte Film Festival il festival internazionale delle arti contemporanee.

http://www.50giornidicinema.it/wp-content/uploads/2013/07/schermo.jpg

Tra gli ospiti della 7a edizione de Lo Schermo dell’Arte Film Festival, il cineasta Alain Fleischer che presenta in anteprima italiana Naissance d’un musée, il racconto della vicenda che ha portato all’apertura nel 2012 del nuovo Louvre-Lens nella regione francese del Pas-de-Calais. E ancora il regista Heinz-Peter Schwerfel, con la sua intervista a Ilya ed Emilia Kabavov; l’artista Phillip Warnell, che presenterà Ming of Harlem, vincitore del premio Georges de Beauregard al FID Marseille 2014. Riconfermate le sezioni Sguardi; Festival Talks; Focus on e la 3a edizione di VISIO: European Workshop on Artists’ Moving Images, rivolto a 12 artisti under 35 selezionati in partnership con le maggiori Università ed Accademie europee, che coinvolge professionisti del cinema, artisti, curatori e direttori di istituzioni culturali.

Il Focus on 2014 sarà dedicato alla filmmaker tedesca Hito Steyerl, tra le figure più significative del panorama artistico internazionale, il cui lavoro affronta la questione dell’utilizzo dei media e della rete nell’era della globalizzazione. A Cinema d’Artista sarà presentata la prima italiana di Apicula Enigma, poetico film di Marine Hugonnier sul magico mondo delle api. In Sguardi, tra le anteprime italiane da segnalare il film di Zachary Heinzerling, Cutie and the Boxer, racconto della caotica vita a New York della coppia di artisti giapponesi Ushio Shinohara e Noriko “Cutie”; Art4Space, in cui lo street-artist francese Invader, noto per aver creato dei personaggi ispirati al videogioco Space Invaders, spedisce uno dei suoi lavori nello spazio; Ai Weiwei Evidence, in cui Grit Lederer segue la visita all’artista a Pechino di Gereon Sievernich, direttore della Martin-Gropius Bau; Levitated Mass di Doug Pray, sull’impresa dell’artista americano Michael Heizer per realizzare l’installazione all’ingresso del museo LACMA di Los Angeles. Sarà inoltre presentato Tim’s Vermeer, documentario del performer Teller, dedicato all’ingegnere elettronico americano Tim Jenison e al suo tentativo di scoprire il mistero dei dipinti realistici del maestro olandese Jan Vermeer. Il film vincitore della 4a edizione del Premio Lo schermo dell’arte 2013, The Mesh and the Circle, degli artisti portoghesi Mariana Caló e Francisco Queimadela, sarà presentato nel corso del festival, in anteprima assoluta.

Immagini e suoni dal mondo

Dopo la rassegna France Odeon,la 50 giorni di cinema internazionale a Firenze prosegue con Immagini e suoni dal mondo,FESTIVAL DEL FILM ETNOMUSICALE dal 3 al 5 novembre.

Il festival presenterà in prima visione italiana il film di fiction Amalia di Carlos Coelho da Silva, biopic sulla più grande cantante di fado di tutti i tempi: Amalia Rodrigues. In cartellone i migliori documentari etnomusicali prodotti negli ultimi anni: Mercedes Sosa: la voz de Latinoamerica di Rodrigo Vila, ritratto della celeberrima cantante argentina nota per la straordinaria interpretazione di “Gracias a la vida” di Violeta Parra; Song from the Forest di Michael Obert, sulla straordinaria vicenda dell’etnomusicologo Louis Sarno tra i Pigmei della foresta centrafricana; Sweet Dreams di Lisa e Rob Fruchtman, sulla vicende di un gruppo di donne ruandesi percussioniste ed imprenditrici; Woodstock in Timbuctu di Desirée von Throta, storia del festival musicale che si tiene ogni anno tra le dune del deserto del Sahara. Concluderà il festival, la proiezione del documentario Griot di Volker Goetze, ritratto del griot (cantastorie) e virtuoso di kora, Ablaye Sissoko, a cui seguirà la performance dal vivo del duo Goetze (tromba) e Sissoko (kora).

 

 

50 giorni di Cinema Internazionale a Firenze

“Futuro” è il tema dell’VIII rassegna di Cinema Internazionale a Firenze
organizzata per Regione Toscana da Fondazione Sistema Toscana.
Il programma si sviluppa tra il 29 Ottobre e il 14 Dicembre 2014 al Cinema Odeon (Piazza Strozzi, Firenze)


Il 29 ottobre l’inaugurazione della 50 Giorni sarà affidata al Festival dei Popoli, che
festeggia la sua 55esima edizione. Saranno proposti due film, realizzati a 55 anni di
distanza l’uno dall’altro, che raccontano sogni, speranze e futuro dei giovani africani:
Examen d’Etat (Esame di Stato, 2014), del congolese Dieuo Hamadi (2014) e Moi, un noir,
(Io, un nero, 1959) del maestro Jean Rouch
La 50 Giorni, rassegna di Cinema Internazionale a Firenze, organizzata per Regione
Toscana da Fondazione Sistema Toscana, si terrà nel 2014 dal 29 ottobre al 14 dicembre,
nello storico Cinema Odeon (Piazza Strozzi, Firenze). Come di consueto saranno i festival
internazionali con sede a Firenze a comporre il cartellone della rassegna, quest’anno, per
la prima volta serrati tra loro in una carrellata senza soluzione di continuità, grazie ad un
programma che non prevede altri eventi intermedi.
Ogni anno la 50 Giorni mette in rilievo una particolare tematica, sulla quale pone l’accento
per proporre riflessioni di ampio respiro a partire dai film in programma. Quest’anno la
rassegna è dedicata al “futuro”, ai giovani raccontati sul grande schermo e al cinema
“giovane” realizzato da chi continua ad ogni età a sperimentare sul linguaggio della
settima arte. E il futuro – quello che riguarda le nuove generazioni, la salvaguardia
dell’ambiente e delle risorse del pianeta, la promozione della cultura e il rispetto delle
diversità – sarà il leit motiv di tutta la 50 Giorni 2014.
Ad inaugurare la 50 Giorni, il 29 ottobre, sarà il Festival dei Popoli, Festival
Internazionale del Film Documentario, in occasione della sua 55esima edizione, con la
proiezione di due documentari realizzati a 55 anni di distanza l’uno dall’altro, che
raccontano dei sogni, delle speranze e del futuro dei giovani africani: il primo del 2014, dal
titolo Examen d’Etat, del congolese Dieudo Hamadi e l’altro, del 1959, Moi, un noir, di
Jean Rouch. Examen d’Etat (presentato in prima italiana) racconta le giornate di un
gruppo di liceali in procinto di sostenere l’esame di stato a Kisangani (Repubblica
Democratica del Congo). Espulsi dai banchi di scuola perché non pagano le “commissioni
agli insegnanti”, gli studenti si ritirano nella “maquis”, la casa comunale, per prepararsi
collettivamente. Qui, tra riti propiziatori, sedute di preghiera, tentativi di procurarsi i
risultati dei test, nessuno pensa che il miglior modo per superare un esame sia studiare. A
seguire sarà proiettato Moi, un noir, (Io, un nero), realizzato dal grande documentarista e
etnologo Jean Rouch nel 1959 (anno in cui si tenne il 1° Festival dei Popoli, a cui Rouch
partecipò come membro della giuria internazionale). Il documentario, considerato una
pietra miliare del cinema diretto, racconta in tono scanzonato le giornate di tre giovani
nigeriani che hanno lasciato la propria terra per andare a cercare lavoro in Costa d’Avorio
e che affrontano la durezza della vita con il sorriso di chi non ha altra ricchezza che la
propria gioventù. L’evento è anche un omaggio al grande regista, a dieci anni dalla sua
scomparsa.
La serata di inaugurazione del 29 ottobre è ad inviti, ritirabili a partire da lunedì 20
ottobre alla cassa del Cinema Odeon (Piazza Strozzi) o presso gli uffici della Mediateca
Regionale FST (via San Gallo 25, Firenze, dalle 10.00 alle 13-00 e dalle 14.30 alle 17.00).
Info: 0552719054 – info@50giornidicinema.it
Le date
France Odeon, festival del cinema francese contemporaneo (30 ottobre – 2 novembre),
Immagini e Suoni del Mondo. Festival del Film Etnomusicale (3 – 5 novembre), Festival
Internazionale di Cinema & Donne (6 – 11 novembre), Lo Schermo dell’Arte Film Festival
(12 – 16 novembre), Balkan Florence Express (17 – 20 Novembre), Florence Queer
Festival (21 – 27 novembre), Festival dei Popoli. Festival Internazionale del Film
Documentario (28 novembre – 5 dicembre), River to River Florence Indian Film Festival
(6 – 12 dicembre), Una Finestra sul Nord (13 – 14 dicembre), Premio NICE Città di Firenze
(14 dicembre).
La 50 Giorni in breve
Dal 2007 la “50 Giorni” propone nel capoluogo toscano una stagione di cinema di qualità.
Il cartellone è composto da 10 festival internazionali che hanno sede a Firenze, festival
che hanno una forte sinergia e una stretta e proficua collaborazione grazie ad un unico
cartellone, alla condivisione della stessa sede, e al supporto dello staff dell’Area Cinema
di Fondazione Sistema Toscana.