Odg Toscana e Ast: “Grave dichiarazioni sindaco Abetone”

Odg Toscana e Ast: “Grave dichiarazioni sindaco Abetone”

La vicenda riguarda le offese pronunciate da Diego Petrucci, sindaco di Abetone Cutigliano (Pistoia), nei confronti del giornalista Cristiano Marcacci e del giornale Il Tirreno. “Non è accettabile che un rappresentante delle istituzioni si esprima in termini diffamatori perché non approva il contenuto di un servizio giornalistico, né tantomeno che rifiuti di dissociarsi dai successivi commenti di suoi ‘amici di facebook’ che sconfinano nella più triviale volgarità”, è il commento dell’Ordine dei giornalisti della Toscana.

Il primo cittadino non avrebbe digerito l’articolo di Marcacci riguardante l’intitolazione di una rotonda a Pisa alla memoria di Giuseppe Niccolai, tra i fondatori del Movimento sociale. Sulla sua pagina facebook il sindaco di Abetone Cutigliano, ex consigliere comunale a Pisa, ha accusato il cronista e il giornale di provare “a seminare odio per gonfiare il portafoglio del proprio datore di lavoro”, invitando a smettere “di comprare il Tirreno” e a “parlare con certi giornalisti”.
L’Odg Toscana sottolinea come “un comportamento di questo tipo denota un totale disprezzo per il dialogo democratico e per i principi sanciti dall’articolo 21 della Costituzione, proprio quando lo Stato, con la presenza del sottosegretario con delega all’editoria e del vicepresidente del Csm al convegno sulle minacce ai giornalisti, cerca di garantire la libertà di stampa”.
Anche l’Associazione stampa Toscana ha ritenuto gli insulti inaccettabili. L’Ast chiede che l’Anci Toscana si pronunci “di fronte ad un atteggiamento del tutto intollerabile. E’ opportuno che venga presa una posizione netta a tutela dell’informazione libera, fondamento basilare per uno stato democratico”

L'articolo Odg Toscana e Ast: “Grave dichiarazioni sindaco Abetone” proviene da www.controradio.it.

Odg Toscana e Ast: “Grave dichiarazioni sindaco Abetone”

Odg Toscana e Ast: “Grave dichiarazioni sindaco Abetone”

La vicenda riguarda le offese pronunciate da Diego Petrucci, sindaco di Abetone Cutigliano (Pistoia), nei confronti del giornalista Cristiano Marcacci e del giornale Il Tirreno. “Non è accettabile che un rappresentante delle istituzioni si esprima in termini diffamatori perché non approva il contenuto di un servizio giornalistico, né tantomeno che rifiuti di dissociarsi dai successivi commenti di suoi ‘amici di facebook’ che sconfinano nella più triviale volgarità”, è il commento dell’Ordine dei giornalisti della Toscana.

Il primo cittadino non avrebbe digerito l’articolo di Marcacci riguardante l’intitolazione di una rotonda a Pisa alla memoria di Giuseppe Niccolai, tra i fondatori del Movimento sociale. Sulla sua pagina facebook il sindaco di Abetone Cutigliano, ex consigliere comunale a Pisa, ha accusato il cronista e il giornale di provare “a seminare odio per gonfiare il portafoglio del proprio datore di lavoro”, invitando a smettere “di comprare il Tirreno” e a “parlare con certi giornalisti”.
L’Odg Toscana sottolinea come “un comportamento di questo tipo denota un totale disprezzo per il dialogo democratico e per i principi sanciti dall’articolo 21 della Costituzione, proprio quando lo Stato, con la presenza del sottosegretario con delega all’editoria e del vicepresidente del Csm al convegno sulle minacce ai giornalisti, cerca di garantire la libertà di stampa”.
Anche l’Associazione stampa Toscana ha ritenuto gli insulti inaccettabili. L’Ast chiede che l’Anci Toscana si pronunci “di fronte ad un atteggiamento del tutto intollerabile. E’ opportuno che venga presa una posizione netta a tutela dell’informazione libera, fondamento basilare per uno stato democratico”

L'articolo Odg Toscana e Ast: “Grave dichiarazioni sindaco Abetone” proviene da www.controradio.it.

Toscana, amministrative: 7 sindaci eletti senza avversari

Toscana, amministrative: 7 sindaci eletti senza avversari

Corsa in solitaria in sette Comuni della Toscana, dove i candidati sindaco non hanno avuto rivali in quanto nessun altro contendente si è presentato, eletti con il 100% delle preferenze.

E’ successo a Badia Tedalda, Chiusi della Verna, e Sestino in provincia di Arezzo, a Chiusdino in provincia di Siena, a Chianni nel Pisano, a Monterotondo Marittimo in provincia di Grosseto, e a San Romano in Garfagnana in provincia di Lucca.

Nel frattempo a Careggine, il più piccolo comune della Toscana (539 abitanti), Lucia Rossi della lista ‘Uniti per Careggine’ è stata eletta a sindaca. La candidata Rossi ha ottenuto l’81,3% dei consensi. L’altro candidato Graziano Vecchi de ‘L’altra lista per Careggine’ ha ottenuto il 18,7% delle preferenze.

Fratelli d’Italia, alle elezioni europee in Toscana, ha ottenuto il miglior risultato elettorale ad Abetone Cutigliano (Pistoia). Fi si attesta al 26,3% dei voti, secondo partito dopo la Lega che ha vinto con il 29% dei consensi. Qui il capolista e già sindaco Fdi Diego Petrucci, ha incassato 252 preferenze e Giorgia Meloni 120.

Nel complesso in provincia di Pistoia il partito ha ottenuto il 5,9% dei consensi, arrivando secondo soltanto a Grosseto dove Fdi ha registrato il 6% dei consensi. Il miglior comune grossetano è Semproniano dove Fratelli d’Italia ha registrato il 9% delle preferenze. Buon risultato di Fdi anche a Montecarlo (Lucca) dove il partito ha ottenuto l’11,9% dei consensi e in provincia di Livorno a Capoliveri con l’8,5% delle preferenze.

L'articolo Toscana, amministrative: 7 sindaci eletti senza avversari proviene da www.controradio.it.