Massimo Vincenzini è il nuovo Presidente dei Georgofili

Massimo Vincenzini è il nuovo Presidente dei Georgofili

Oggi pomeriggio, nella sede dell’Accademia dei Georgofili, si è svolto lo spoglio delle schede per l’elezione del Presidente dell’Accademia dei Georgofili, indetta a seguito della scomparsa di Giampiero Maracchi. I risultati hanno decretato a maggioranza la scelta di Massimo Vincenzini come Presidente.

La sua nomina a Presidente dei Georgofili era stata proposta all’unanimità dal Consiglio Accademico e dai Presidenti di Sezione.

Massimo Vincenzini è nato nel 1947 a Roma, dove si è laureato in Chimica nel 1975.

Dal 1976 al 1988 è stato Ricercatore del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) presso il Centro di Studio dei Microrganismi Autotrofi, con sede a Firenze, per poi diventare Professore Associato di “Microbiologia agraria” presso la Facoltà di Agraria dell’Università degli Studi di Firenze.

Dal 1999 è Professore Ordinario dell’insegnamento di “Microbiologia dei prodotti alimentari” per il corso di laurea in Tecnologie Alimentari e dell’insegnamento di “Controllo dei processi microbiologici nell’industria alimentare” per il corso di laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari.

Responsabile scientifico di vari progetti di ricerca, autore e coautore di oltre 300 pubblicazioni scientifiche, dal 2008 al 2017 è stato presidente del Consiglio di Amministrazione della Azienda Agricola Villa Montepaldi s.r.l. (Università degli Sudi di Firenze socio unico), azienda di oltre 300 ettari che oltre ad operare sul mercato con i propri prodotti (vini DOCG, olio DOP, cereali) fornisce, per statuto, supporto alle attività proprie dell’Università (didattica, ricerca e trasferimento tecnologico).

Dal 2014 al 2017 è stato Presidente del Tuscan Food Quality Center, associazione costituitasi per aggregare a livello regionale tutte le istituzioni operanti in tema alimenti-alimentazione (ne sono soci fondatori i tre Atenei Toscani, la Scuola Superiore S. Anna, il CNR, l’Accademia dei Georgofili, le organizzazioni delle imprese agricole e altre istituzioni e/o accademie a carattere culturale).

Dal 2012 è membro del Consiglio Accademico dell’Accademia dei Georgofili, con l’incarico di Delegato Amministrativo.

Nel 2014 ha avviato la costituzione della società FoodMicroTeam s.r.l., spin-offaccademico dell’Università degli Studi di Firenze, avente l’obiettivo di fornire assistenza tecnico-scientifica per il controllo e la gestione delle fermentazioni alimentari.
 

L'articolo Massimo Vincenzini è il nuovo Presidente dei Georgofili proviene da www.controradio.it.

Maracchi: “è stato un pioniere degli studi sui cambiamenti climatici, dando linfa e strumenti ai ricercatori di oggi “

Maracchi: “è stato un pioniere degli studi sui cambiamenti climatici, dando linfa e strumenti ai ricercatori di oggi “

Lo afferma Rosa Maria di Giorgi nel ricordare l’illustre climatologo. Le autorità toscane esprimono il proprio cordoglio per la scomparsa di Giampiero Maracchi.

“Siamo tutti molto addolorati e costernati per la scomparsa del nostro caro professore emerito Giampiero Maracchi, uomo di scienza e cultore di due discipline, la climatologia e la meteorologia, di cui fu insigne pioniere. La sua acutezza e sagacia lo hanno reso studioso di fama internazionale. Voglio ricordarlo col suo modo affabile e cordiale con cui si intratteneva nello stesso modo con Colleghi, studenti e con qualsiasi altro interlocutore”. Così il rettore di Firenze Lugi Dei ricorda Giampero Maracchi, scomparso ieri. Maracchi aveva iniziato la sua carriera all’Università di Firenze nel 1973 come docente incaricato ed è diventato, nel 1986, professore ordinario presso la facoltà di agraria, ricoprendo gli insegnamenti di agrometeorologia e climatologia e poi di agronomia e coltivazioni erbacee. E’ stato membro del Cda dell’Università di Firenze dal 1978 al 1989 e coordinatore del master in meteorologia e climatologia applicate. Nel 2014l’Ateneo fiorentino gli ha consegnato il  diploma di docenteemerito.
”Esprimo il mio cordoglio personale e della Cia-Agricoltori Italiani” dice Dino Scanavino, presidente nazionale della Cia ricorda Maracchi: ”dall’osservatorio privilegiato che ho potuto avere da accademico – aggiunge –  mi permette di testimoniare sul valore di Maracchi come uomo, scienziato, intellettuale e profondo conoscitore dell’agricoltura. Nelle tante occasioni -prosegue Scanavino- di relazioni che ho avuto con il Professor Maracchi, emergeva la sua visione sempre innovativa e proiettata al futuro. L’intuizione che ebbe circa l’introduzione applicata dell’informatica in agricoltura ha aperto la strada a quello che si sta realizzando nel settore; perdiamo un punto di riferimento importante”.
Anche la Confederazione Agromeccanici e Agricoltori Italiani esprime il proprio cordoglio.  “Ci piace ricordarlo per il grande profilo scientifico, – si uniscono al lutto il presidente Anbi Francesco Vincenzi ed il direttore generale di Anbi Massimo Gargano, a nome dell’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue –  che sin dal 2005 ci ha accompagnato in molte scelte tese ad imporre culturalmente concetti di prevenzione, sicurezza alimentare ed ambientale. Il coraggio di averlo fatto con i Consorzi di bonifica e di irrigazione, in tempi in cui qualcuno li  vedeva come corpi estranei alla tutela ed alla gestione del territorio e  delle risorse idriche, unitamente all’umanità, che lo  ha caratterizzato negli impegni della vita, ha sempre fatto prevalere il rispetto della buona fede e dell’onestà individuale anche quando lealmente eravamo in disaccordo”.

“Ricordo con affetto e profonda stima una figura centrale per la climatologia a livello internazionale con la quale ho condiviso l’esperienza nel Comitato direttivo dell’area della ricerca Cnr di Firenze”. Così la senatrice Rosa Maria Di Giorgi su Maracchi che, afferma, “ha rappresentato un’eccellenza per il nostro Paese, è stato un pioniere degli studi sui cambiamenti climatici, dando linfa e strumenti ai ricercatori di oggi per proseguire sulla strada dello sviluppo scientifico radicato sul territorio”.

“Con dolore e sgomento ho appreso della morte del professore e caro amico Giampiero Maracchi. In tutto il periodo del mio impegno in Regione, il professor Maracchi è stato un prezioso punto di riferimento, sempre disponibile a collaborare ad ogni scelta o azione riguardante le questioni climatiche ed il loro impatto sull’agricoltura”. Lo scrive il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi in un messaggio di cordoglio rivolto alla famiglia di Maracchi.

L'articolo Maracchi: “è stato un pioniere degli studi sui cambiamenti climatici, dando linfa e strumenti ai ricercatori di oggi “ proviene da www.controradio.it.

Morto il climatologo Professor Giampiero Maracchi

Morto il climatologo Professor Giampiero Maracchi

Firenze, è morto il celebre scienziato climatologo e presidente dell’Accademia dei Georgofili, Giampiero Maracchi, lo hanno reso noto i familiari che precisano che, per espressa volontà del defunto, i funerali si svolgeranno in forma strettamente privata.

Controradio tutta si unisce al dolore dei familiari per la scomparsa del caro Professor Maracchi, più volte intervenuto nelle nostre interviste e trasmissioni con il suo autorevole ed eticamente ineccepibile parere.

Il professor Maracchi, nato a Firenze nel maggio 1943, professore emerito di Climatologia della Università di Firenze, dal 2014 era presidente dell’Accademia dei Georgofili, prestigiosa istituzione fondata nel 1753, e dal febbraio 2013 al maggio 2014 è stato presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Incredibilmente lunga la lista dei meriti e traguardi raggiunti dal Professor Maracchi, proveremo a citarne i più importanti, scienziato di fama internazionale è stato fondatore e direttore dell’Istituto di Biometeorologia del Cnr, fondatore e presidente del Centro di Studi per l’applicazione dell’Informatica in Agricoltura, fondatore e già Responsabile del Master in Meteorologia e Climatologia Applicate della Università di Firenze, fondatore e già direttore del Regional Meteorological Training Centre della World Meteorological Organisation di Ginevra.

È stato anche vicepresidente della International Society for Agricultural Meteorology – INSAM. Tra i numerosi impegni nella sua cariera di scienziato Maracchi è stato anche fondatore e presidente dell’Osservatorio dei Mestieri d’Arte, associazione di 15 Fondazioni Bancarie italiane, nata in seno alla Fondazione Crf, impegnata nella salvaguardia e nella promozione dell’artigianato artistico, nonché fondatore e presidente del Laboratorio di Monitoraggio e Modellistica Ambientale per lo sviluppo sostenibile – Lamma, consorzio specializzato in meteorologia e climatologia.

È stato inoltre fondatore, presidente e vicepresidente della Fondazione per il Clima e la Sostenibiltà (FCS) e membro di numerose accademie italiane tra cui l’Accademia delle Scienze detta dei XL, l’Accademia delle Arti e del Disegno di Firenze, l’Accademia di Agricoltura di Bologna, l’Accademia di Scienze Forestali di Firenze, l’Accademia della Vite e del Vino, la Colombaria e l’Accademia dei Concordi. Ha partecipato come delegato nazionale a numerose commissioni scientifiche e tecniche internazionali e dell’Unione Europea oltreché come coordinatore di numerosi Progetti nazionali ed internazionali.

Nell’università di Firenze Maracchi è stato membro del consiglio di amministrazione e segretario scientifico del Comitato nazionale di consulenza per le Scienze agrarie del Cnr nonché membro del Consiglio Scientifico del Piano Spaziale Italiano.

Ha ricevuto numerosi riconoscimenti nazionali ed internazionali fra i quali il Premio Marchi 2000, per essersi distinto nella promozione della ricerca nel settore della climatologia e meteorologia applicata e ultimamente; il Premio Columbus per la scienza e la medaglia d’oro della Società Dante Alighieri. Ultimamente la World Meteorologica Organization Commission for Agricultural Meteorology gli ha conferito il ‘Award for exceptional service to the Commission for Agricultural Meteorology’.

È l’autore di oltre 450 lavori scientifici su qualificate riviste nazionali ed internazionali e numerose pubblicazioni tecniche e didattiche.

Goodbye Professor Maracchi You will be greatly missed, and never forgotten.

L'articolo Morto il climatologo Professor Giampiero Maracchi proviene da www.controradio.it.