Toscana, 377mln per liquidare soci privati servizi idrici

Toscana, 377mln per liquidare soci privati servizi idrici

Il dato è stato reso noto oggi da Alessandro Mazzei, direttore dell’Autorità Idrica Toscana, in un convegno sulla ripubblicizzazione del servizio organizzato da Federconsumatori Toscana.

Liquidare i soci privati dei gestori del servizio idrico integrato in Toscana, alla scadenza delle attuali concessioni, costerà 377 milioni di euro: il dato è stato reso noto oggi da Alessandro Mazzei, direttore dell’Autorità Idrica Toscana, in un convegno sulla ripubblicizzazione del servizio organizzato da Federconsumatori Toscana.

“Ci sono due momenti in particolare – ha spiegato – in cui il grosso di questo importo dovrà essere tirato fuori: nel 2024, quando scadrà la concessione di Publiacqua, si dovranno pagare 140 milioni di euro, mentre nel 2031, quando scadranno le concessioni di Asa e Acque, si dovranno pagare 178 milioni”.

Per quanto riguarda le stime degli investimenti per il trentennio successivo alla scadenza delle concessioni, Mazzei ha spiegato che “rispetto al mantenimento dell’attuale livello di investimenti procapite, oggi 53 euro per abitante all’anno, l’idea è di portare la quota intorno ai 60 euro”, ma “per arrivare intorno ai 78-80 euro ad abitante all’anno, cifra che si avvicina a quello che si investe in Francia, Germania e Regno Unito, c’è da tirare fuori tanti soldi”, l’equivalente di “una manovra finanziaria”.

L'articolo Toscana, 377mln per liquidare soci privati servizi idrici proviene da www.controradio.it.