Firenze, aeroporti: conferenza servizi aggiornata a 29 gennaio

Firenze, aeroporti: conferenza servizi aggiornata a 29 gennaio

Si è aggiornata al 29 gennaio la Conferenza dei servizi per il masterplan di sviluppo dell’aeroporto Vespucci di Firenze.

La decisione è arrivata nel pomeriggio al termine della seconda riunione della Conferenza che si è tenuta oggi nella sede del ministero delle Infrastrutture e trasporti a Roma. L’incontro di apertura si era svolto il 7 settembre scorso.

Nel corso dell’incontro convocato dal Mit, spiega una nota, sono stati illustrati e discussi i pareri espressi dagli enti interessati. “Una riunione positiva – ha detto l’assessore fiorentino all’urbanistica Giovanni Bettarini, delegato del Comune di Firenze a rappresentare l’ente -. Unica richiesta da parte del Mibac è stata quella di una ulteriore definizione di dettaglio progettuale degli orti compresi fra il nuovo laghetto di Signa e la strada a oggi prevista”.

Erano presenti i delegati dei comuni di Firenze, Prato, Sesto Fiorentino e Campi Bisenzio, Città metropolitana di Firenze, Regione Toscana, Soprintendenza Archeologia, Belle arti e paesaggio di Firenze, Enac, Autorità di Bacino, ministero dell’Ambiente, Mibact, Consiag.

L'articolo Firenze, aeroporti: conferenza servizi aggiornata a 29 gennaio proviene da www.controradio.it.

Dl fisco: salvi fondi per lavori aeroporti Firenze e Salerno

Dl fisco: salvi fondi per lavori aeroporti Firenze e Salerno

In seguito a un emandamento del relatore al decreto fiscale Emiliano Fenu, sono salvi i fondi per la realizzazione di molte opere pubbliche. Tra queste anche l’aeroporto di Firenze

Salvi i fondi per la realizzazione di diverse opere pubbliche. Dagli interventi negli aeroporti di Firenze e Salerno al completamento del Ponte Congressi Eur-Roma, che dovrebbe risolvere criticità di traffico sulla Roma-Fiumicino.

Lo prevede un emendamento del relatore al decreto fiscale, Emiliano Fenu (M5S), approvato ieri in serata dalla commissione Finanze del Senato. Interviene sulle norme dello ‘Sblocca-Italia’ del 2014 spostando il termine oltre il quale scatta la revoca dei finanziamenti per ritardi su appaltabilità e cantierabilità delle opere.

Il progetto doveva partire entro la fine dell’anno, con la modifica invece il termine si sposta all’anno successivo all’arrivo del finanziamento.

In questo modo si potranno completare anche la statale 291-Sardegna (collegamento con Alghero), la Variante della ‘Tremezzina’ sulla statale internazionale ‘Regina’, nel comasco, e la Pedemontana piemontese tra A4 e A26 (Masserano-Ghemme).

L'articolo Dl fisco: salvi fondi per lavori aeroporti Firenze e Salerno proviene da www.controradio.it.

Aeroporti: Firenze; Mallegni, follia contrari a nuova pista

Aeroporti: Firenze; Mallegni, follia contrari a nuova pista

Maurizio Mallegni, senatore di Forza Italia, annuncia il sì del partito in Consiglio Regionale in merito alla variante automatica del Pit per il potenziamento dell’aeroporto Vespucci

“Credo che la follia assoluta di chi pensa che un aeroporto come quello di Firenze non debba avere una pista di 2400 metri vuol dire che nella vita al massimo è arrivato all’esterno del bordo di casa”. Lo ha detto il senatore di Forza Italia Massimo Mallegni intervenendo oggi a una conferenza stampa all’interno dello scalo fiorentino. “Credo che una Regione come questa – ha aggiunto Mallegni -, che ambisce a diventare una meta venduta nel mondo, debba avere un aeroporto efficiente nella sede principale che è Firenze. E dire che così chiude l’aeroporto di Pisa con 5,5 milioni di passeggeri in crescita significa non conoscere il mercato del turismo, dello sviluppo e dell’imprenditoria”.

Con i consiglieri regionali di Forza Italia, Marco Stella (vicepresidente dell’Assemblea toscana) e Maurizio Marchetti (capogruppo), è stata ribadita la posizione del partito nel giorno in cui il Consiglio toscano è chiamato a esprimersi in merito alla variante automatica del Pit per il potenziamento dell’aeroporto Vespucci.

“Siamo qui – ha aggiunto Stella – a ribadire il nostro ‘sì’ allo sviluppo. Per questo oggi in Consiglio regionale voteremo la proposta di risoluzione e la proposta di indirizzo che garantisce all’aeroporto di Firenze la possibilità di svilupparsi”. Per Stella, “dove lo troviamo un imprenditore che viene in Toscana crede allo sviluppo di questa terra e mette 400 milioni? E noi abbiamo il coraggio di dire di no a 400 milioni di euro e a 5mila posti di lavoro in questa infrastruttura?”.

L'articolo Aeroporti: Firenze; Mallegni, follia contrari a nuova pista proviene da www.controradio.it.

Aeroporto, Nardella: “Fiorentini vogliono nuova pista”

Aeroporto, Nardella: “Fiorentini vogliono nuova pista”

“Chi oggi contesta e contrasta la nuova pista dell’aeroporto di Firenze non ha a cuore le sorti, i desideri, i bisogni dei fiorentini, mentre Firenze e i fiorentini vogliono la nuova pista”.

Lo ha detto Dario Nardella, sindaco di Firenze, che ieri sera ha partecipato a un’assemblea pubblica sul progetto di potenziamento dell’aeroporto, con i cittadini delle aree di Peretola, Quaracchi e Brozzi che con l’attuale pista sono costantemente sorvolate dagli aerei.

“C’è stata una risposta molto bella – ha aggiunto, parlando a margine della presentazione del bilancio dell’Estate Fiorentina 2018 – di 250 cittadini in una parte periferica, in un quartiere che merita tutta l’attenzione, e che in questi anni subisce auesta pressione dell’attuale pista dell’aeroporto, con sorvoli continui dalle 6.20 del mattino fino a tarda notte a causa di una pista che è inadeguata sotto tutti i punti di vista”.

“Ora – conclude Nardella – il governo non può far finta che non vi sia una procedura amministrativa arrivata ormai agli ultimi atti, con la conferenza dei servizi che si riunirà il 7 dicembre”.

L'articolo Aeroporto, Nardella: “Fiorentini vogliono nuova pista” proviene da www.controradio.it.

Firenze, aeroporto: Enac chiede ulteriore rinvio conferenza servizi

Firenze, aeroporto: Enac chiede ulteriore rinvio conferenza servizi

La prima data utile dovrebbe essere entro i primi giorni di dicembre.

Enac ha formalizzato al ministero dei Trasporti una richiesta di posticipare la conferenza dei servizi per l’ampliamento dell’aeroporto di Firenze, prevista per il 9 novembre.

E’ quanto rende noto Toscana aeroporti, che gestisce lo scalo fiorentino, spiegando che “la richiesta si è resa necessaria in seguito al recepimento delle prescrizioni dettate dalla delibera di Giunta regionale n.1113 dell’11 ottobre in merito alla prevista opera di laminazione idraulica e riqualificazione ecologico-paesaggistica dell’area ubicata in località il Piano di Manetti, presso il Comune di Signa, e in conformità con l’obbligo di legge per cui sono dovuti 30 giorni di preavviso per l’espressione del proprio parere da parte di tutti gli enti interessati”.

“Enac e Toscana Aeroporti – concludono – esprimono soddisfazione per essere riusciti, in sintonia con gli enti responsabili, a recepire nella propria proposta progettuale le esigenze paesaggistiche e di viabilità, anche nel rispetto delle ‘Linee guida prestazionali’ per il progetto di rilocalizzazione del lago di Peretola approvate il 3 settembre 2018 e definite di concerto dalla Regione Toscana e dal ministero per i Beni e le attività culturali”.

Circa un mese fa si era giunti ad un primo rinvio in quanto  non era ancora arrivata al ministero per i Beni e le Attività culturali la documentazione integrativa richiesta ad Enac durante la riunione del 7 settembre e già sollecitata in merito alla questione sullo scalo di Firenze Peretola.

“Anche la Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio ha dato il suo via libera alla nuova pista dell’Aeroporto Amerigo Vespucci di Firenze, sentenziando che le prescrizioni sono state rispettate praticamente tutte e che anche il problema maggiore, ossia lo spostamento del lago di Peretola, è superato, e anche dal punto di vista strettamente archeologico non è emerso nulla che renda irrealizzabile la pista. Ora dunque non ci sono più davvero scuse per far iniziare i lavori e dotare Firenze di uno scalo aeroportuale degno di questo nome”. Questo  quanto invece affermato dal vicepresidente del Consiglio regionale della Toscana, Marco Stella (Forza Italia).

“Serve un sistema aeroportuale toscano integrato – sottolinea Stella – imperniato su Firenze e Pisa. Lo sviluppo di Peretola consentirebbe di di raddoppiare il numero dei passeggeri annuali da 2.2 a 4.5 milioni, e di portare 5mila nuovi posti di lavoro, come certificano gli studi di società qualificate. Per noi l’aeroporto è uno, articolato in due scali, è l’aeroporto della Toscana. Uno è il Galilei di Pisa, l’altro è il Vespucci di Firenze. Per fare questo, però, il Vespucci va ammodernato: non è più pensabile andare avanti così, con 1.000 voli dirottati e decine di migliaia di passeggeri persi ogni anno a causa di condizioni meteo avverse”.

L'articolo Firenze, aeroporto: Enac chiede ulteriore rinvio conferenza servizi proviene da www.controradio.it.