SUNIA: “SU AFFITTACAMERE ABUSIVI FIRENZE HA PERSO LA DECENZA”

Sunia

Il sindacato degli inquilini Sunia ha commentato i dati dei controlli di Guardia di Finanza e Comune di Firenze: “su dieci città italiane con immobili più cari Firenze è al top, bene controlli del Comune.”

“Da tempo andiamo dicendo che Firenze ha perso ogni ‘decenza’ dal punto di vista dell’offerta abitativa”. Lo dichiara Laura Grandi, segretaria della sezione fiorentina del sindacato degli inquilini Sunia, a proposito dei dati dell’attività di controllo condotta dalla guardia di Finanza e da Comune di Firenze, che nel giro di un anno hanno scovato 48.000 pernottamenti non regolari, 280 unità immobiliari fuori legge e oltre un milione e 600mila euro di redditi sfuggiti fisco.

“Secondo l’ultimo rilevamento dell’ufficio studi del portale Immobiliare.it, sulle dieci città italiane più care, la medaglia d’oro va a Firenze: la spesa mensile per un monolocale (25 mq) è di 650 euro, fino a 1.120 euro per un trilocale, ma anche per chi sarebbe disponibile a firmare un contratto oneroso, si chiudono le porte delle case fiorentine, ormai aperte esclusivamente agli affitti brevi per turisti”.

“Bene fa il Comune ad eseguire i controlli – continua Laura Grandi – anzi benissimo, e avrà tutto il nostro appoggio, perché il principio di impunità venga una volta per tutte spezzato e si ritorni ad un circolo virtuoso di correttezza. Importante sarebbe attuare strumenti, anche attraverso la leva fiscale comunale, per convincere i tanti proprietari onesti ad affittare alle tante famiglie di residenti fiorentini, che non vogliono lasciare la propria città. Ma – si domanda Grandi – per i proprietari trovati ad affittare irregolarmente? Mi piacerebbe ci fosse una norma per costringerli ad affittare a basso prezzo per almeno 10 anni, si rimetterebbero così in circolo molte abitazioni”.

The post SUNIA: “SU AFFITTACAMERE ABUSIVI FIRENZE HA PERSO LA DECENZA” appeared first on Controradio.

Caro affitti a Firenze , nel 2014 i prezzi sono scesi!!

Forse gli effetti della crisi non sono negativi per tutti,  secondo uno studio elaborato da Solo Affitti in collaborazione con Nomisma, il canone medio degli affitti abitativi nel 2014 è sceso dell -1,6%, proseguendo un trend che si conferma negativo dopo i ribassi del 2012 e 2013.

Negli ultimi 5 anni il dato vede un complessivo -12,5%, vero specchio della congiuntura economica che il Paese sta attraversando. Senza dubbio un calo moderato, se si considera quello relativo al valore degli immobili. Che aggiungere, studenti, è il momento di studiare fuorisede e scegliere Firenze come meta di studio.

Continua a leggere il post su uniaffitti.it