Radici: al Conventino la presentazione del nuovo libro di Domenico Guarino

Radici: al Conventino la presentazione del nuovo libro di Domenico Guarino

Cosa ci porta ad amare e chi? E perché odiamo? Cosa ci allontana dai luoghi, cosa ci trattiene, e dove tendiamo? “Radici” è un viaggio attraverso una vita e le sue contraddizioni. Prima presentazione Venerdì 9 Luglio, ore 18,30, al Caffè letterario il Conventino Via Giano della Bella, 20 50124 Firenze, Toscana

8 racconti e 11 ‘cantate’.  La vita parla. Racconta di quello che siamo, e siamo stati. Dei nostri desideri, delle nostre ansie, di quello che abbiamo cercato, di cosa saremo dopo la morte, quando tutto sembrerà perso. Stabilire un contatto con se stessi alla ricerca delle proprie radici, di quello che i millenni, scavando nell’eternità, hanno condotto intatto per ciascuno di noi, nelle nostre esistenze quotidiane.  Cosa ci porta ad amare e chi? E perché odiamo? Cosa ci allontana dai luoghi, cosa ci trattiene, e dove tendiamo? “Radici” è un viaggio attraverso una vita e le sue contraddizioni. Una, singolare, non replicabile. Che però dice. Mettendosi alla ricerca del cammino, e volgendo lo sguardo lungo la prospettiva dell’oblio per riscattarne il senso. Sedendosi sul bordo del precipizio per ascoltare le voci che risuonano dalle profondità e dai recessi dei vissuti propri ed altrui.

Prima presentazione di RADICI  Venerdì 9 Luglio, ore 18,30, al Caffè letterario il Conventino Via Giano della Bella, 20 50124 Firenze, Toscana Introduce AGNESE PINI, direttrice de La Nazione

 

Domenico Guarino (Battipaglia, SA, 1968) è un giornalista professionista. Già consigliere regionale dell’Ordine dei Giornalisti, lavora a Controradio/Popolare Network e collavora con i quotidiani del gruppo Monrif.  Si è occupato di strategie della comunicazione per vari soggetti pubblici e privati, collaborando con la presidenza del Senato. Nel 2008 si è aggiudicato il premio Passetti come “Cronista dell’Anno, ricevendo la targa della Corte Costituzionale per l’impegno sui temi delle minoranze etniche e delle lotta contro le discriminazioni . Ha vinto il premio Viesseux (2007, con il racconto Una casa grande come un sogno) il premio Terzani (2008, con il racconto Il mio nome è mai più) e il premio Mediterranea (2011, con il racconto ‘il bianco e il nero’). Ha pubblicato “Di Domenica si può anche Morire” (Poliastampa, 2008), “Ordine Nuovo” (Cult, 2009), “Sono un Italiano Nero” (Cult, 2009), “Puttanopoli”, (Cult,2010), “Ribelli “(Infinito, 2011), “Io, Raimondo Ricci” (Sagep, 2013), “Gli occhi dentro” (le Piagge, 2014), “Eravamo Tanto Amati” (Effigi, 2017), la fabbrica che non volle chiudere (Clichy, 2019

 

L'articolo Radici: al Conventino la presentazione del nuovo libro di Domenico Guarino da www.controradio.it.

Giani, obiettivo Toscana, “arrivare a 15mila tamponi il giorno”

Giani, obiettivo Toscana, “arrivare a 15mila tamponi il giorno”

🔈Scandicci, il neopresidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, intervenendo alla Fiera di Scandicci, parlando dell’epidemia causata dal Coronavirus, ha detto che l’obiettivo è arrivare a 15mila tamponi il giorno.

Giani è intervenuto ad un evento della Fiera di Scandicci nel quale era intervistato sul palco dalla direttrice de ‘La Nazione’, Agnese Pini.

“Ho chiesto che fra domani e lunedì si riesca ad avere dati per crescere con il numero di tamponi giornalieri superando quota quindicimila – ha detto il presidente Giani – In questo senso ho messo le risorse che la Regione può mettere per arrivare a tale obiettivo ed avere i test rapidi”.

“Se noi abbiamo la radiografia della situazione e lo screening assoluto possiamo mettere in atto le misure di prevenzione ed evitare di propagare il contagio sugli altri – ha aggiunto Giani -. Chiusura bar e ristoranti? Mi sentodi agire con equilibrio e buonsenso. Su alcune cose sono rigido mentre su altre no”.

“Abbiamo davanti a noi un inverno di forte preoccupazione. Ma dobbiamo tenere per superare questi mesi; davanti abbiamo la speranza di quello che ho visto a Siena, ossia la ricerca sulla riproduzione degli anticorpi monoclonali. Dovremmo avere il farmaco tra marzo e aprile”.

Presenti, oltre al sindaco di Scandicci Sandro Fallani, con tutta la sua giunta, che ha introdotto dal palco l’evento, c’erano anche alcuni sindaci della provincia come Angela Bagni di Lastra a Signa e Giampiero Fossi di Signa.

Gimmy Tranquillo ha intervistato la direttrice della Nazione, Agnese Pini, il sindaco di SAcandicci Sandro Fallani e il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani:

L'articolo Giani, obiettivo Toscana, “arrivare a 15mila tamponi il giorno” proviene da www.controradio.it.

Pini (Nazione): le carenze del sistema scolastico non sono colpa del Covid, il virus le ha solo messe in evidenza

Pini (Nazione): le carenze del sistema scolastico non sono colpa del Covid, il virus le ha solo messe in evidenza

Intervista con la direttrice de La Nazione, AGNESE PINI. “Per ripartire serve ottimismo ma non possiamo dimenticare i tagli dei diversi governi che, da anni, si sono abbattuti sul nostro sistema scolastico” ASCOLTA L’INTERVISTA

L'articolo Pini (Nazione): le carenze del sistema scolastico non sono colpa del Covid, il virus le ha solo messe in evidenza proviene da www.controradio.it.

Regionali, Pini (Nazione): “Ceccardi parla ai ‘suoi’, per vincere deve fare di più”

Regionali, Pini (Nazione): “Ceccardi parla ai ‘suoi’, per vincere deve fare di più”

Intervista con la direttrice della Nazione AGNESE PINI dopo il primo faccia a faccia tra i due sfidanti più accreditati per la vittoria finale: Eugenio Giani (csx) e Susanna Ceccvardi (cdx)

ASCOLTA L’INTERVISTA

L'articolo Regionali, Pini (Nazione): “Ceccardi parla ai ‘suoi’, per vincere deve fare di più” proviene da www.controradio.it.

Coronavirus: “Un paese cinico ha abbandonato i propri anziani”

Coronavirus: “Un paese cinico ha abbandonato i propri anziani”

Intervista con la direttrice della Nazione AGNESE PINI. “Alla fine di questa epidemia non ci troveremo un paese migliore”

L’età media dei pazienti deceduti e positivi all’infezione da SARS-CoV-2 è 79 anni. 18mila (su 22mila) decessi sono over 70. L’Istituto Superiore della Sanità, stima che circa 7000 anziani sono morti solo nelle RSA, di cui la metà certamente per covid.

ASCOLTA L’INTERVISTA

L'articolo Coronavirus: “Un paese cinico ha abbandonato i propri anziani” proviene da www.controradio.it.